Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Nuova pianta unica della sua specie scoperta nella foresta delle Hawaii

Seguici su
Due botanici hanno scoperto sui ripidi pendii in una remota località dell’isola di Maui un unico esemplare di una nuova specie vegetale mai catalogata prima. La nuova specie è stata chiamata Cyanea heluensis ed appartiene alla ricca famiglia delle piante autoctone dell’arcipelago chiamate Haha ma possiede caratteristiche uniche.

La ricca collezione di specie vegetali autoctone delle Hawaii ha aggiunto una nuova specie alla sua nomenclatura, si chiama Cyanea heluensis, ed è stata scoperta in una remota località dell’isola di Maui durante l'esplorazione di ripidi pendii pluviali dal botanico Hank Oppenheimer e dalla collega Jennifer Higashino.

Cyanea heluensis è imparentata con altre piante autoctone conosciute come Haha, ma ha foglie uniche e fiori bianchi, lunghi e leggermente ricurvi. Da quando l’esemplare della nuova specie è stato individuato, sono state eseguite varie ricerche per trovare altri esemplari simili ma senza successo.

La consapevolezza di avere a che fare con un esemplare unico, da solo rappresentante una nuova specie, ha indotto Hank Oppenheimer ad adoperarsi per fare in modo che non andasse perduto.

​Prima che una capra o qualche altro animale potesse mangiarla causandone l’estinzione immediata, il botanico ha applicato una speciale pasta progettata da un orticoltore del Lyon Arboretum, Nellie Sugii, per produrre un nuovo germoglio. Appena questo si è sviluppato, Oppenheimer l’ha poi prelevato e portato all'Olinda Rare Plant Facility di Maui per farlo propagare.

Questa cura si è resa necessaria, hanno spiegato gli esperti, perché le piante selvatiche rare come Cyanea heluensis possono essere oggetto di attenzione per animali come i ratti, capaci di divorare i frutti prima che i semi possano essere dispersi, oppure lumache che mangiano direttamente i fiori prima ancora che diventino frutto. Animali non nativi come capre e cervi non sono meno pericolosi quando si tratta di piante così rare e prive di ‘margine di errore’.

“Salvare le piante che si sono evolute in tutto il mondo è così importante. L'era delle scoperte non è finita! Questi gioielli della creazione rappresentano la meravigliosa diversità del pianeta Terra”, ha affermato il botanico Steve Perlman.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала