Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Puglia, sequenziato il genoma virale della variante inglese Covid-19

© REUTERS / NIAID-RMLL'immagine a colori del nuovo coronavirus SARS-CoV-2
L'immagine a colori del nuovo coronavirus SARS-CoV-2  - Sputnik Italia
Seguici su
Le sequenze del genoma verranno depositate nella banca dati pubblica per essere messe a disposizione della comunità scientifica internazionale.

Gli scienziati dell'Istituto Zooprofilattico sperimentale di Puglia e Basilicata hanno isolato il virus mutato e sequenziato il genoma della cosiddetta variante inglese. Lo hanno reso noto il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e l’assessore alla sanità Pier Luigi Lopalco in un comunicato ufficiale. 

“Il lavoro contro il coronavirus e per la tutela della salute non si è fermato neanche il giorno di Natale. La notizia più significativa di oggi è che l’Istituto zooprofilattico sperimentale è riuscito a isolare il virus corrispondente a questo ceppo, fatto questo di grandissimo rilievo scientifico. Cogliamo l’occasione per esprimere un plauso a chi ha condotto con successo queste analisi  e a tutto il personale sanitario che prosegue incessantemente le attività anche in queste giornate”, si legge nella nota.

Walter Ricciardi - Sputnik Italia
Riccardi: “La variante inglese circolava già da settembre. C’è il rischio per tutto il mondo”
L'istituto Zooprofilattico di Foggia ha ricevuto i tamponi di due pazienti pugliesi, provenienti dal Regno Unito e risultati positivi al test per Covid. Entrambi i tamponi sono stati sottoposti al test di isolamento del virus su cellule Vero E6 e al sequenziamento del genoma virale.

 Il professor Antonio Fasanella, direttore generale dell’Istituto zooprofilattico e il professor Antonio Parisi, responsabile del laboratorio di Genetica della sezione di Putignano, spiegano come è avvenuta la scoperta. 

“Il 24 dicembre per uno dei campioni è stato evidenziato un esteso effetto citopatico sulle cellule e il test Real Time PCR ha confermato l’isolamento del virus. In data odierna, l'analisi delle sequenze ottenute in entrambi i campioni ha evidenziato la presenza di un genotipo virale corrispondente alla cosiddetta variante inglese del SARS Cov2", riporta la nota.

L'Istituto comunica che le sequenze dell'intero genoma dei due virus verranno depositate nella banca dati pubblica e messe a disposizione della comunità scientifica internazionale.

"Il ceppo virale isolato è stato congelato in aliquote ed è a disposizione di qualsiasi gruppo scientifico legalmente autorizzato per gli ulteriori studi su questa particolare variante”, conclude la nota.

Il ceppo inglese

Il 19 dicembre le autorità sanitarie del Regno Unito hanno annunciato che nel paese è stata identificata una nuova variante di coronavirus. NERVTAG (New and Emerging Respiratory Virus Threats Advisory Group), il comitato tecnico scientifico sulla pandemia britannico, ha confermato che la nuova variante di coronavirus individuata nel Paese si sta diffondendo ad un ritmo più veloce e richiede maggiore cautela da parte della popolazione.

Sebbene la nuova variante del virus, secondo stime preliminari, potrebbe essere il 70% più contagiosa del virus SARS-CoV-2 normale, al momento non ci sono informazioni che suggeriscono che sia più pericolosa in termini di decessi o ricoveri.

Tra gli otto paesi c'è anche l'Italia. Lo scorso mercoledì un caso di contagio con la variante "inglese" è stato identificato a Loreto (Ancona).

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала