Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Variante Covid, è una 007 italiana la donna ricoverata al Celio

© Sputnik . Anton Vergun  / Vai alla galleria fotograficaMedico russo le disinfetta le mani
Medico russo le disinfetta le mani - Sputnik Italia
Seguici su
La donna ricoverata all'ospedale militare del Celio, a Roma, dopo aver contratto la variante britannica del Covid sarebbe una funzionaria dell'Aise, i servizi segreti esterni italiani. Paura nella sede del Forte Braschi per un possibile focolaio.

La donna ricoverata all’ospedale militare del Celio dopo contratto la variante britannica del Covid sarebbe un membro dell’Aise, i servizi segreti esterni italiani. A rivelare il particolare è un retroscena firmato dal giornalista Guido Paglia sul blog Sassate, ripreso da diversi quotidiani e agenzie di stampa.

La donna, identificata con le iniziali A.P., avrebbe 42 anni e vivrebbe a Roma con il suo compagno, anche lui in forze come 007, stavolta nell’MI6 britannico. L’uomo, un ex ufficiale dell’esercito di Sua Maestà, si sarebbe trasferito da poco a Roma. I due erano rientrati assieme dall'Inghilterra nei giorni scorsi. 

Secondo la ricostruzione di Paglia, proprio per tenere nascosta la sua relazione sentimentale la donna non avrebbe informato i suoi superiori della positività al virus riscontrata dopo il viaggio a Londra.

Per questo motivo, secondo i bene informati, ora nel quartier generale dei servizi segreti, al Forte Braschi, si starebbe diffondendo la preoccupazione per un possibile focolaio del nuovo “british Covid”.

Ad essere in pensiero sono soprattutto i colleghi che l’hanno incontrata prima del ricovero nell’ospedale militare della Capitale non sapendo della positività della donna al virus.

Sempre secondo lo stesso blog la donna avrebbe “chiesto e ottenuto protezione” da uno dei vicedirettori del DIS, il Dipartimento delle informazioni per la sicurezza. Oltre alla preoccupazione, quindi, subentra anche una certa dose di imbarazzo per l’accaduto da parte dei servizi segreti esterni.

Secondo quanto riferiscono all’Adnkronos fonti interne all’ospedale del Celio, la 007 non avrebbe particolari problemi causati dalla malattia. La sua situazione, quindi, sarebbe al momento “sotto controllo”. 
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала