Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Spagna, i Re Magi inviano un messaggio di speranza ai bambini - Video

© Sputnik . Evgeny UtkinNegozio dei regali per il Natale
Negozio dei regali per il Natale - Sputnik Italia
Seguici su
I tre Re Magi hanno saputo che alcuni bambini non credono nel loro arrivo a causa della pandemia. Per porre fine a questa voce, hanno quindi creato un servizio di messaggi personalizzato. Il suo obiettivo è far credere ancora ai più piccoli nel Natale.

Il 2020 non è stato un anno facile, soprattutto per via del suo grande protagonista: il coronavirus. La pandemia ha sconvolto il calendario e minaccia di farlo fino al suo ultimo giorno, Natale compreso. Gli abitanti di tutti gli angoli del pianeta sanno che queste feste saranno molto diverse. Le mascherine adorneranno i volti proprio come le palline luccicano sugli abeti. Le restrizioni sanitarie limiteranno il numero di persone sedute ai tavoli a Natale e Capodanno. Nel migliore dei casi saranno queste a separare le famiglie; in altri, i piatti verranno purtroppo rimossi dalla tavola a causa delle conseguenze della malattia.

Viaggiare sarà più complicato. Le misure contro la diffusione del virus limitano il traffico dei passeggeri, ai quali si raccomanda di non attraversare le frontiere. Decisioni politiche che hanno fatto credere a ragazzi e ragazze spagnoli* che i Re Magi non potranno raggiungere le loro case. Questi ultimi hanno comunque confermato che "stanno preparando tutto". Ovviamente adattandosi al 2020. Tutti i regali vengono disinfettati prima di essere riposti nelle buste. Inoltre i Re Magi faranno il giro del mondo con una mascherina e una bottiglia di gel idroalcolico sulla sella del cammello. Secondo le loro  parole, cercheranno di raggiungere ogni casa, come ogni anno. Se per un caso fortuito  non riusciranno a raggiungerne una, garantiscono che ci andranno in un altro momento. Non dimenticano nessuno.

Per rispondere a coloro che non sono molto convinti del lavoro che faranno quest'anno, i Re Magi hanno ideato un piano. Una soluzione che arriva da Barcellona, dove hanno assunto un team di paggi molto speciale. Il loro  obiettivo è inviare ai più piccoli l'avviso di Melchiorre, Gaspare e Baldasarre.

"Dato che quest'anno è molto strano, molti bambini dubitano che i regali arriveranno. Ci occupiamo noi di rimuovere questa preoccupazione", ha detto a 'Sputnik' Sergi Grimau, il cofondatore della pagina di questo progetto insieme ad Albert Montilla.

La Llamada Mágica ('La chiamata magica'), il nome dato a questa startup, è dedicata alla registrazione dei messaggi dei tre Re per ragazzi e ragazze, allo scopo di fargli riacquistare una bella illusione dopo un anno difficile. "I messaggi sono super personalizzati. Ognuno è diverso ed è particolarmente dedicato al ragazzo o alla ragazza che lo riceve. Per loro è come entrare in un film", spiega Grimau.

Un po' come sta facendo Babbo Natale in Finlandia.

Il team lavorerà per un paio di settimane a un ammontare di circa di 2.500 video in spagnolo, catalano e lingua dei segni, anche se spera di incrementare questo numero. Finora più della metà dei video sono stati realizzati. Per far fronte alla raffica di commissioni, i paggi hanno chiamato in causa i colleghi del settore della cultura. In totale venti persone si sono unite a La Llamada Mágica. "La verità è che stiamo avendo successo", dice la pagina.

Oltre alle registrazioni personalizzate, La Llamada Mágica è impegnata anche nella creazione di contenuti per aziende e municipalità. Così i Re Magi fanno arrivare il loro annuncio ai bambini dell'intero comune. E non solo, poiché spiegano anche le misure di sicurezza per combattere la pandemia e come va imbucata la lettera nella cassetta.

La magia si fonde con la tecnologia per restituire l'illusione a molte persone che l'hanno persa dopo questo fatidico anno. Un 2020 che ha lasciato più tristezza che gioia. 12 mesi travagliati e un Natale che rimarrà impresso nella mente di tutti gli abitanti della Terra. Ma, come dicono i Re Magi, "la speranza è l'ultima a morire".

*In Spagna, a partire dal XIX secolo, la Dodicesima Notte (quella prima dell'Epifania) è stata trasformata in una festa per bambini, che in questo giorno ricevono i regali sulla sia di quanto avveniva in altri Paesi il giorno di Natale. Era il 1866 quando ad Alcoy si tenne la prima parata dei tre Re Magi, una tradizione che si diffuse nel resto del Paese e successivamente in altri, in particolare quelli di cultura ispanica.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала