Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Roma, muore per il Covid: gli rubano occhiali, fede e vestiti

© AP Photo / Gregorio BorgiaL'ospedale Lazzaro Spallanzani di Roma
L'ospedale Lazzaro Spallanzani di Roma - Sputnik Italia
Seguici su
L'ospedale San Camillo di Roma ha aperto un'inchiesta sulla sparizione degli effetti personali di un 68enne morto di Covid. Non si trovano più i vestiti, il cellulare e persino la fede. L'assessore alla Sanità del Lazio, Alessio D'Amato: "Gesto vile e irrispettoso".

Non si dà pace una donna di Fondi che ha perso suo padre lo scorso 14 dicembre. L’uomo, dopo aver lottato senza successo contro il Covid, è morto all’età di 68 anni all’ospedale San Camillo di Roma. Se n’è andato da solo, come tutti quelli che, in questi mesi, sono deceduti a causa del coronavirus.

Per i familiari di queste persone ricevere gli effetti personali dei propri cari è l'unica consolazione. Nel caso della figlia del 68enne di Fondi, però, non è stato possibile neanche questo. I vestiti, gli occhiali, il cellulare, l’apparecchio acustico, persino la fede nuziale dell'anziano sono spariti.

E così, al dolore si aggiunge altro dolore e, soprattutto, tanta rabbia. Secondo il personale sanitario, ad entrare in azione potrebbe essere stato qualche “sciacallo”, magari durante il trasporto della salma dalla terapia intensiva all’obitorio. Ma la donna ha voluto vederci chiaro e così ha denunciato il fatto ai carabinieri.

Una segnalazione che ha portato nelle ultime ore, riferisce Repubblica, all’apertura di un’inchiesta interna. A chiedere una relazione sull’accaduto è anche l’assessore alla Sanità del Lazio, Alessio D’Amato, che ha parlato di gesto “vile e irrispettoso”.

Secondo la direzione del nosocomio capitolino la “procedura di presa in carico dei beni e degli oggetti personali dei ricoverati” è “standardizzata”. L’indagine dovrà individuare la falla che ha portato alla sparizione degli oggetti.

Non è la prima volta che si verifica un episodio di questo tipo. È noto alle cronache il caso dei furti all'interno dell’ospedale Moscati di Taranto. E poi, come si legge sempre su Repubblica, le fedi nuziali erano state rubate anche ad un’anziana deceduta per il Covid a Frosinone. La donna conservava entrambi gli anelli dopo che il marito si era spento pochi mesi prima, sempre a causa del virus.

Nella stessa provincia si è verificato anche un furto in appartamento durante il funerale di un'altra vittima del virus. Proprio come è accaduto in occasione delle esequie del campione Paolo Rossi.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала