Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Covid, Ciocca (Lega): "Un malato lombardo vale più di un laziale"

© AP Photo / Jean-Francois BadiasAngelo Ciocca
Angelo Ciocca - Sputnik Italia
Seguici su
L'europarlamentare della Lega chiede che la Lombardia riceva più vaccini del Lazio perché ha più abitanti e perché è economicamente più importante.

"La Lombardia, è un dato di fatto, è il motore di tutto il Paese. Quindi se si ammala un lombardo vale di più che se si ammala una persona di un'altra parte d'Italia", questa la frase shock pronunciata dall'europarlamentare pavese Giuseppe Ciocca della Lega.  

La tesi che Ciocca ha esposto durante una trasmissione in onda su Antenna 3 è che la Lombardia dovrebbe ricevere più vaccini, poiché il motore economico dell'Italia, quindi le vite degli abitanti della Lombardia varrebbero di più di quelle delle altre regioni. 

Davanti allo stupore del conduttore, l'eurodeputato ha ribadito che "sulla salute non si può fare politica, ma bisogna fare anche un ragionamento economico per il Paese perché purtroppo, è un dato di fatto, un cittadino lombardo paga più tasse rispetto un cittadino laziale". 

Vaccino Moderna - Sputnik Italia
Ema, anticipato al 6 gennaio l'ok sul vaccino Moderna
Ciocca ha avvisato del rischio che i vaccini vengano distribuiti per "colore politico" della regione e ha ammonito a non fare politica sulla salute delle persone. 

Secondo l'esponente leghista i fattori determinanti nella distribuzione del vaccino dovranno essere la distribuzione della popolazione sul territorio e l'importanza economica della regione. 

"Non è pensabile che la Lombardia che ha il doppio degli abitanti del Lazio possa ricevere meno vaccini", ha esclamato. "Poi - ha aggiunto - bisogna valutare l'importanza economica del territorio. La Lombardia, è un dato di fatto, è il motore di tutto il Paese. Quindi se si ammala un lombardo vale di più che se si ammala una persona di un'altra parte d'Italia".

I vaccini in Italia

In seguito all'approvazione delle agenzie del farmaco britanniche e statunitensi del vaccino Pfizer, l'ente europeo ha deciso di anticipare il processo di approvazione dei candidati vaccini. 

La campagna di vaccinazione di massa avrà inizio a fine dicembre in tutti gli Stati europei. Il ministro della Salute Speranza ha annunciato che in Italia le prime vaccinazioni sul personale sanitario partiranno dal 27 dicembre.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала