Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Presidente iraniano Rouhani: “Non entusiasti di Biden ma felici della partenza del terrorista Trump”

© AP Photo / Office of the Iranian PresidencyIl presidente iraniano Hassan Rouhani
Il presidente iraniano Hassan Rouhani  - Sputnik Italia
Seguici su
Il Presidente iraniano Hassan Rouhani ha dichiarato oggi, mercoledì 16 dicembre, che, sebbene Teheran non fosse felicissima della nuova amministrazione statunitense guidata dal nuovo Presidente eletto, il democratico Joe Biden, accoglie con favore l’uscita di scena di Donald Trump.

Il precedenza il Presidente iraniano aveva denunciato l'amministrazione Trump per aver ostacolato gli sforzi del suo Paese nell’importare vaccini e attrezzature mediche nel contesto della pandemia, ha riferito Press TV, bollando le persone "malvagie" che trascorrono gli ultimi giorni delle loro "miserabili vite politiche" alla Casa Bianca.

​"Non siamo entusiasti dell'arrivo di Biden, ma siamo contenti della partenza del terrorista Trump", ha affermato Rouhani durante una riunione di gabinetto.

Il Presidente iraniano ha aggiunto:

"Oggi, l'America è sola e tutti i paesi del mondo ne condannano le azioni e chiedono che gli Stati Uniti ritornino all'accordo nucleare".

Affrontando il tema del Piano d'azione globale congiunto, meglio noto come l'accordo nucleare iraniano, che gli Stati Uniti hanno demolito unilateralmente nel 2018 sostenendo che Teheran ne avrebbe violato le disposizioni, Rouhani ha osservato che il suo Paese ha dimostrato il suo fermo impegno verso l'accordo.

In precedenza, il 9 dicembre, lo stesso Rouhani si era scagliato contro la controparte statunitense per aver "ostacolato" l'acquisto da parte dell'Iran di attrezzature mediche e vaccini necessari per combattere la pandemia di coronavirus.

Rivolgendosi a una riunione di gabinetto, Rouhani ha affermato che l'amministrazione Trump ha posto un ostacolo sul percorso di ogni singolo sforzo iraniano di importare vaccini e attrezzature mediche, secondo Press TV.

"Questo perché hanno creato così tanti problemi e ci stanno infastidendo al punto che l'intero Paese deve lavorare per settimane e talvolta mesi per spostare denaro da un posto all'altro per acquistare medicine, un compito semplice che avrebbe potuto essere curato tramite una telefonata, un messaggio e SWIFT ", ha detto.

Il Presidente iraniano ha aggiunto: "Queste persone che erano al timone della Casa Bianca, e stanno trascorrendo gli ultimi giorni della loro miserabile vita [politica], sono così malvagie che non hanno nemmeno mostrato pietà verso la salute delle persone, gli anziani e i disabili, in mezzo alla questione del coronavirus, e hanno agito nel modo più corrotto e più selvaggio nei confronti della popolazione della regione e della grande nazione dell'Iran".

Il 14 dicembre il Collegio elettorale degli Stati Uniti ha dichiarato ufficialmente l'ex vicepresidente Joe Biden, nuovo Presidente degli Stati Uniti.

La crisi tra Washington e Teheran

Teheran e Washington hanno avuto un rapporto difficile dalla rivoluzione iraniana del 1979. Sotto la presidenza di Donald Trump, gli Stati Uniti si sono ritirati dall'accordo nucleare del 2015, noto come Joint Comprehensive Plan of Action (PACG) nel maggio 2018.

Washington ha affermato che Teheran stava violando le disposizioni dell'accordo, che vedeva quest'ultimo limitare il suo arricchimento di uranio in cambio della revoca delle sanzioni economiche. Nonostante analisi interni al governo degli Stati Uniti e all'UE che confermassero la conformità da parte della Repubblica islamica, gli Stati Uniti hanno iniziato a reimporre sanzioni paralizzanti alla nazione.

L'amministrazione del Presidente iraniano Hassan Rouhani ha dichiarato in conseguenza che il Paese non osserverà più le restrizioni dell'accordo nucleare sull'arricchimento dell’uranio, sulle dimensioni delle sue scorte di uranio arricchito e sulle sue attività di ricerca e sviluppo.

Le tensioni sono aumentate ulteriormente, poiché l'amministrazione Trump ha inviato aerei da combattimento nel Golfo Persico nel maggio 2019 annunciando che avrebbe rafforzato la sua presenza militare in Medio Oriente in mezzo a una "minaccia" non specificata contro gli interessi degli Stati Uniti nella regione.

Da allora, la regione del Golfo ha dovuto affrontare una serie di attacchi a petroliere, sequestri di navi e abbattimenti di droni, con recriminazioni reciproche da parte di Stati Uniti e Iran.

Washington ha schierato un drone spia nello Stretto di Hormuz nel giugno 2019, successivamente abbattuto dall'Iran ma, soprattutto, ha assassinato Qasem Soleimani, uno dei generali più rispettati dell'Iran in un attacco con droni a Baghdad nel gennaio 2020.

L'Iran ha reagito lanciando missili a due basi statunitensi in Iraq, ferendo gravemente più di 100 soldati statunitensi.

L'assassinio dello scienziato nucleare iraniano Mohsen Fakhrizadeh il 27 novembre ha intensificato ulteriormente le tensioni tra Teheran e l'alleanza USA-Israele, poiché alti funzionari iraniani hanno immediatamente accusato Tel Aviv di aver progettato l'attacco, mentre Israele non ha fatto commenti ufficiali sulla questione.

Teheran ha decisamente respinto tutte le accuse di Washington, insistendo sul fatto che il suo programma nucleare è pacifico.

Sulla scia della vittoria di Biden nelle elezioni presidenziali del 3 novembre 2020, la questione dell'accordo nucleare con l'Iran è riemersa.

​Biden, che ha supervisionato la formazione del JCPOA come vice presidente dell'allora presidente Barack Obama, ha sottolineato durante la sua campagna, che vuole perseguire la revoca delle sanzioni e potenzialmente ricongiungersi o "rinegoziare" il JCPOA se Teheran fosse tornata ai vincoli dell'accordo.

Il Presidente iraniano Hassan Rouhani ha segnalato la volontà di cooperare, ma ha osservato che la rinegoziazione del PACG non era sul tavolo.

"Gli Stati Uniti devono tornare agli impegni che hanno già preso ... e come abbiamo detto prima, se tutti torneranno ai loro impegni pieni, torneremo anche noi ai nostri impegni pieni ... Non lo rimanderò in un secondo momento", Ha detto Rouhani.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала