Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Voto Collegio elettorale: Biden denuncia posizione estrema di Trump ed elogia la democrazia

© AP Photo / Carolyn KasterJoe Biden
Joe Biden - Sputnik Italia
Seguici su
Lunedì, il Collegio elettorale degli Stati Uniti ha confermato il suo voto per la vittoria del democratico Joe Biden alle elezioni presidenziali del 2020, senza i cosiddetti "elettori infedeli"', coloro che scelgono di votare in modo diverso dai risultati delle elezioni popolari.

Poco dopo il voto del collegio elettorale di lunedì, Joe Biden ha pronunciato osservazioni in Delaware per celebrare la sua apparente vittoria, raddoppiando sulle richieste di "unirsi" e "guarire" e dicendo che "l'integrità delle nostre elezioni rimane intatta".

"In questa battaglia per l'anima dell'America, la democrazia ha prevalso", ha detto Biden durante il suo discorso. "Ora è il momento di voltare pagina, come abbiamo fatto nel corso della nostra storia per unirci, per guarire".

Le sue parole sono state riprese da Kamala Harris, che ha twittato la citazione, sottolineando che "Joe Biden che dice la verità".

Il voto di lunedì ha portato Biden a superare la soglia di 270 voti elettorali necessari per diventare presidente, poiché si è assicurato 306 approvazioni, mentre il rivale repubblicano Donald Trump ha ricevuto 232 voti in totale.

I voti del collegio elettorale saranno certificati dal Congresso degli Stati Uniti il ​​6 gennaio.

Biden sulla "posizione estrema" di Trump

Il democratico ha fatto riferimento ai molteplici tentativi legali di Trump di mettere in discussione l'esito delle elezioni, ricordando "dozzine e dozzine" di cause intentate dalla campagna del presidente e sottolineando che "sono state ascoltate".

"Per fortuna, una Corte Suprema unanime ha immediatamente e completamente respinto questo tentativo", ha continuato Biden, criticando Trump perché si sarebbe "rifiutato di rispettare la volontà del popolo, ha rifiutato di rispettare lo stato di diritto e ha rifiutato di onorare la nostra Costituzione. Il tribunale ha inviato un chiaro segnale al presidente Trump che non avrebbe preso parte a un attacco senza precedenti alla nostra democrazia".

"Una contestazione nella fase finale"

Trump si è opposto al risultato delle elezioni del 2020 da quando sono arrivate le prime proiezioni dei media per le elezioni che indicavano Biden come vincitore.

Il presidente ha affermato che una frode elettorale è stata "progettata centralmente" dai Democratici e successivamente ha intentato numerose azioni legali, tentando di fare ricorso sui risultati delle elezioni, avviando riconteggi e chiedendo che si smettesse di contare quelli che ha descritto come "voti illegali". Le cause, tuttavia, sono state archiviate dai tribunali.

Mentre Trump si rifiuta ancora di concedere la vittoria a Biden, i voti del Collegio elettorale devono ora essere inviati al Congresso degli Stati Uniti, dove saranno certificati in una sessione congiunta guidata dal vicepresidente Mike Pence il 6 gennaio. Il nuovo presidente presterà quindi giuramento il 20 gennaio, giorno dell'insediamento.

Tuttavia, alcuni repubblicani, secondo i rapporti, dovrebbero creare "una contestazionenella fase finale" alla Camera dei rappresentanti nel tentativo di evitare la vittoria di Biden.

"Abbiamo un ruolo superiore ai sensi della Costituzione rispetto alla Corte Suprema, rispetto a qualsiasi giudice del tribunale federale, rispetto a qualsiasi giudice del tribunale statale", ha affermato in un'intervista citata dal New York Times il membro della Camera dei Rappresentanti Mo Brooks, che sarebbe alla guida di questa suddetta contestazione.

Secondo quanto riferito, diversi repubblicani del Senato si oppongono all'iniziativa, sottolineando che "indipendentemente dal numero di obiezioni presentate e da chi firma, non influenzeranno l'esito del processo".

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала