Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

A Parigi ancora scontri durante le manifestazioni di protesta contro la legge sulla sicurezza

© SputnikUne manifestation contre la loi Sécurité Globale à Paris, 12 décembre 2020
Une manifestation contre la loi Sécurité Globale à Paris, 12 décembre 2020 - Sputnik Italia
Seguici su
Gli agenti di polizia hanno ripetutamente utilizzato cannoni ad acqua durante le proteste a Parigi, riferisce il corrispondente di Sputnik.

Un corteo di manifestanti si è diretto verso la Piazza della Repubblica. I violenti hanno iniziato a lanciare petardi e bottiglie contro gli agenti di polizia. Le forze di sicurezza hanno reagito cercando di disperdere i dimostranti.

Per il quarto sabato consecutivo a Parigi si manifesta contro il disegno di legge sulla sicurezza globale. Sono state arrestate più di cento persone. Come riportato dal corrispondente di Sputnik, le forze di sicurezza hanno usato le maniere forti per reprimere i manifestanti.

Anche i precedenti cortei erano stati accompagnati da scontri e violenze. Alla manifestazione del 5 dicembre 95 persone erano state arrestate e 67 agenti di polizia e gendarmi erano rimasti feriti.

La legge sulla sicurezza globale

L'Assemblea nazionale (la camera bassa del Parlamento francese) il 24 novembre ha adottato in prima lettura il progetto di legge "Sulla sicurezza globale". L'articolo 24 prevede una pena di un anno di reclusione e una multa di 45mila euro per la diffusione di immagini del volto e "di altri parti identificative" di poliziotti e gendarmi durante il loro servizio "con lo scopo apparente di nuocere alla loro integrità fisica o mentale".

Il documento ha provocato l'indignazione tra le associazioni di categoria dei giornalisti, temendo che l'articolo 24 danneggerebbe gravemente la libertà di parola, dal momento che nè i media nè i cittadini potrebbero seguire il lavoro delle forze dell'ordine durante le manifestazioni. Le proteste sono esplose in diverse città del Paese. Allo stesso tempo il governo ha ripetutamente assicurato che il disegno di legge non proibirà ai giornalisti di filmare i funzionari della sicurezza.

Successivamente la maggioranza parlamentare ha deciso di riscrivere l'articolo 24, ma i sindacati hanno nuovamente invitato la gente a manifestare. Il Senato (camera alta del parlamento) esaminerà il disegno di legge a gennaio.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала