Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Spostamenti tra comuni per Natale, Bonaccini d'accordo sui ricongiungimenti famigliari

© AFP 2021 / Miguel MedinaStefano Bonaccini
Stefano Bonaccini - Sputnik Italia
Seguici su
Data l'ipotesi di una modifica alle restrizioni sugli spostamenti tra Comuni per le feste di Natale, il Presidente dell'Emilia Romagna insiste sulla possibilità di un ricongiungimento famigliare per i giorni relativi alle festività.

In un'intervista rilasciata a Radio Capital il Presidente della regione Emilia Romagna nonché rappresentante della Conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini ha espresso la sua opinione sulla situazione degli spostamenti tra comuni e sull'ipotesi di una modifica da parte del Governo.

"Io non dico che bisogna dare il via libera a tutti, ma dico solo di valutare alcuni casi di ricongiungimento familiare. Il 24 e 27 dicembre uno può spostarsi di decine di chilometri per pranzare col papà o col nonno da solo" ha affermato Bonaccini.

Terza ondata: il problema non è se ci sarà, ma come sarà

"Non bisogna scherzare, noi dobbiamo chiedere alle persone comportamenti responsabili al di là dei provvedimenti o delle scelte che istituzioni e Governo fanno. Non sono né un medico né uno scienziato, il problema non è 'la terza ondata sì o no', il tema è come o quale terza ondata. Se è una terza ondata con un aumento della curva epidemiologica molto alta è un bel problema, fosse molto lieve sarebbe tutt'altra cosa" ha commentato Bonaccini in relazione ad una possibile terza ondata a gennaio.

Riguardo poi alla sua condizione, dopo una malattia durata 40 giorni ed il rientro a lavoro, il governatore ha affermato di essere completamente guarito dalla polmonite bilaterale.

"E' stata lunga, ma sono anche stato fortunato. Ho un atteggiamento sempre molto positivo alle cose. Se capita, va affrontato. Mi sono affidato ai medici. Ho avuto una polmonite bilaterale che è stata trovata in stato iniziale e mi ha permesso di non avere problemi gravi. E' stata abbastanza tosta" ha rassicurato Bonaccini.

Spostamenti: continua la mobilitazione dei Comuni dell'Appennino

Altri Comuni, specialmente quelli più piccoli che si trovano sull'Appennino tosco-emiliano, hanno fatto pressing sulla situazione degli spostamenti a Natale, affermando la necessità per almeno le famiglie strette di potersi rivedere in questo giorno di festa.

"Bisogna fare in modo che i genitori possano almeno vedere i figlioli. Abbiamo già chiesto, attraverso l'Anci, che almeno nel giorno di Natale, per i congiunti stretti e in orari definiti, con percorsi coerenti, gli spostamenti tra Comuni diversi possano essere permessi" ha dichiarato il sindaco di Prato Matteo Biffoni a margine della conferenza stampa on line per la presentazione del nuovo accordo di collaborazione con la Città metropolitana di Bologna.

Fabbri: per i paesini dell'Appennino tosco-emiliano le limitazioni rischiano di creare non poche difficoltà alle famiglie

"Siamo costantemente in contatto con i sindaci del confine tra Emilia e Toscana. Abbiamo scritto anche al prefetto per chiedere che nei comuni di uno stesso ambito o di un'unione gli spostamenti fossero permessi, ma per ora non abbiamo avuto risposte dirette. L'auspicio è che ci si possa spostare anche tra comuni di province e regioni diverse" ha affermato il sindaco di Castiglione de' Pepoli, Maurizio Fabbri.

In precedenza, i sindaci dei tre comuni di Rimini, San Mauro Pascoli e Santarcangelo hanno scritto una lettera al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte chiedendo la possibilità di spostamento tra Comuni nei giorni delle festività natalizie, in relazione al caso particolare della frazione di San Vito luogo che si trova divisi tra i tre suddetti comuni dai quali è partita l'iniziativa.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала