Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Facebook lo blocca per foto di Mussolini e lui fa causa: consigliere di Messina contro Zuckerberg

© REUTERS / Dado RuvicA man is silhouetted against a video screen with a Facebook logo
A man is silhouetted against a video screen with a Facebook logo - Sputnik Italia
Seguici su
Questo giovedì si è celebrata la prima udienza del processo che ha visto sul banco degli imputati il social network di Mark Zuckemberg, colpevole di aver oscurato una foto di Mussolini, pubblicata da un consigliere comunale messinese per l'anniversario della morte.

Un consigliere comunale di Messina ha portato Facebook in tribunale dopo essere stato censurato sul social per aver pubblicato una foto del duce. Il blocco avrebbe determinato la sua "esclusione dal dibattito politico", durante il periodo di emergenza del lockdown. 

Università degli Studi di Siena - Sputnik Italia
Docente universitario Pro Hitler evita procedimento disciplinare: va in pensione
Per questo il consigliere Salvatore Sorbello, che nella vita fa l'avvocato, si è rivolto al tribunale per chiedere un risarcimento per i danni. Ieri si è tenuta la prima udienza del processo.

“Durante questa prima udienza ho spiegato che il blocco ha comportato la mia esclusione dal dibattito politico in città durante un periodo di emergenza come quello vissuto con il lockdown, dove moltissimi cittadini followers si volevano rivolgere a me attraverso la pagina con l’invio di foto e segnalazioni urgenti. Ho anche detto che se non arriveremo ad una mediazione, chiederò un risarcimento cospicuo anche per ulteriori blocchi immotivati avvenuti in seguito", ha detto Sorbello alla stampa locale.

Il consigliere ha spiegato ai giudici che la foto di Benito Mussolini pubblicata nel giorno della sua morte non aveva alcun intento celebrativo.

"Come ho spiegato la mia non era un celebrazione di Mussolini e questa forma di censura operata da Facebook era immotivata”, ha detto. "Io non sono fascista, né faccio apologia, che so bene essere un reato: forse si dovrebbe cominciare a parlare di libertà di parola, perché è scandalosa la deriva che stiamo prendendo. Difenderò la mia libertà di espressione nelle sedi opportune o giudiziarie”, aveva scritto in precedenza nel post di Facebook oscurato.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала