Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Spostamenti di Natale: frazione divisa tra tre comuni, i sindaci scrivono a Conte

Tavola imbandita per il pranzo di Natale
Tavola imbandita per il pranzo di Natale - Sputnik Italia
Seguici su
La vicenda riguarda la frazione di San Vito, in Romagna. I sindaci di tre comuni hanno scritto una lettera al Presidente del Consiglio per richiedere che sia consentito il ricongiungimento tra le famiglie dei residenti in occasione delle festività.

I sindaci dei comuni di Rimini, San Mauro Pascoli e Santarcangelo hanno scritto una lettera al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte chiedendo la possibilità di spostamento tra Comuni nei giorni delle festività natalizie. 

La richiesta, firmata dai primi cittadini Andrea Gnassi, Luciana Garbuglia e Alice Parma, riguardano in particolare la frazione di San Vito, luogo che si trova divisi tra i tre suddetti comuni dai quali è partita l'iniziativa.

Nella lettera i sindaci sottolineano la presenza sul territorio italiano di numerose frazioni con poche centinaia di residenti i quali, nella maggioranza dei casi, "sono lontani dai propri familiari qualche decina di metri, ma la presenza di un confine con un altro Comune impedisce loro, di fatto, di celebrare le prossime festività assieme ai propri cari".

Anche a nome di tanti altri comuni relativamente piccoli ed isolati, i tre sindaci chiedono al premier Conte "di consentire la possibilità di spostamento, anche nei giorni delle prossime festività natalizie, tra Comuni della stessa Provincia e auspicabilmente anche tra Province limitrofe della stessa Regione".

I tre sindaci si dichiarano a favore delle regole dettate dal Dpcm e delle misure anti-Covid con le dovute restrizioni, ma affermano che "per scongiurare le grandi riunioni familiari a cui siamo abituati riteniamo più che sufficiente mantenere il limite delle 6 persone per abitazione, così da consentire il ricongiungimento solo e soltanto ai nuclei familiari ristretti".

I tre sindaci attendono ora un riscontro in merito alla loro richiesta, inviata per conoscenza anche al presidente della Regione Stefano Bonaccini.

Secondo i dati del Ministero della Salute, l'Emilia Romagna ha registrato dall'inizio della pandemia un totale di 68.697 casi, con 6.386 decessi e 139.800 guariti. Nella giornata di oggi la regione, attualmente in zona gialla, ha registrato un incremento di 1.453 contagi.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала