Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

La Turchia smentisce il rifiuto di acquistare il vaccino russo Sputnik V

© Sputnik . Vladimir Pesnya / Vai alla galleria fotograficaVaccino russo contro coronavirus Sputnik V
Vaccino russo contro coronavirus Sputnik V - Sputnik Italia
Seguici su
Il ministro della Salute turco Fahrettin Koca non ha confermato che il Paese si sia rifiutato di acquistare il vaccino russo contro il coronavirus.

"Per quanto riguarda il vaccino russo. Come sapete, deve passare un'adeguata pratica di laboratorio per tossicologia. Stiamo per iniziare questo lavoro nel nostro paese. Se tutto sarà superato con successo, posso dire che non ci saranno problemi", ha affermato il funzionario ai giornalisti.

Anche il ministero della Salute ha confermato che non c'è stato alcun rifiuto del vaccino Sputnik V.

Nella giornata di oggi il canale televisivo Haberturk, citando una dichiarazione di Koca, aveva riferito che Ankara non avrebbe acquistato il vaccino russo, poiché presumibilmente non è conforme alla buona pratica di laboratorio.

In precedenza Koca aveva affermato che la pandemia di coronavirus in diverse regioni della Turchia, tra cui Istanbul, ha raggiunto il suo terzo picco.

Nell'ultima settimana, il paese ha registrato diverse volte i numeri record di nuovi casi di coronavirus e decessi giornalieri.

Il ministro della Salute aveva annunciato che la Turchia acquisterà 100 milioni di dosi di vaccini contro il coronavirus entro aprile del prossimo anno.

Il primo lotto del vaccino dell'azienda cinese SinoVac arriverà nel Paese dopo l'11 dicembre, e alla fine del mese è previsto l'avvio della vaccinazione dopo i test di laboratorio sulla qualità del vaccino.

Inoltre, la Turchia ha annunciato l'intenzione di acquistare almeno 25 milioni di dosi del vaccino Pfizer-BioNTech.

Il vaccino russo Sputnik V

Lo Sputnik V è diventato il primo vaccino registrato al mondo l'11 agosto dopo aver ricevuto l'approvazione del Ministero della Salute russo, per poi intraprendere le tre fasi di sperimentazione clinica come da protocollo internazionale.

L'inoculazione, che si basa sull'adenovirus umano di tipo 26 e sull'adenovirus umano ricombinante di tipo 5, ha mostrato un'efficacia superiore al 95%, secondo un'analisi ad interim dei dati di fase 3 in Russia.

I test sullo Sputnik V vengono eseguiti anche in Bielorussia, Brasile, Emirati Arabi Uniti, India e Venezuela.

Finora, più di 50 paesi si sono già assicurati 1,2 miliardi di dosi di Sputnik V, secondo i rapporti RDIF. Il Fondo sovrano ha scelto laboratori in Brasile, Cina, Corea del Sud, India e altri paesi per produrre il vaccino.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала