Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Snam nell'alleanza globale per aumentare la produzione di idrogeno verde: verso emissioni zero

© AP Photo / Martin MeissnerEmissioni Co2
Emissioni Co2 - Sputnik Italia
Seguici su
L’azienda italiana e altri sei gruppi mondiali hanno lanciato l’iniziativa “Green Hydrogen Catapult” per accelerare la produzione di idrogeno verde di circa 50 volte nei prossimi sei anni, sostenendo così il raggiungimento degli obiettivi di neutralità carbonica al 2050 nell'ambito della campagna Onu "Race to Zero".

La nuova iniziativa coinvolge alcuni leader industriali nell’idrogeno verde, tra i quali ACWA Power, CWP Renewables, Envision, Iberdrola, Ørsted, Snam e Yara, per promuovere progetti per 25 gigawatt di capacità produttiva, equivalenti a 110 miliardi di dollari di investimenti, per abbattere i costi dell’idrogeno verde sotto i 2 dollari al kilogrammo e favorirne l’utilizzo nelle industrie ad alta intensità carbonica, contribuendo a decarbonizzare alcuni dei settori a più elevate emissioni di CO2 quali la generazione elettrica, l'industria chimica, la produzione di acciaio e la navigazione.

Idrogeno verde sotto i 2 dollari al kilogrammo

Come si precisa in un comunicato, studi recenti indicano che il prezzo di 2 dollari al kilogrammo rappresenterebbe il punto di svolta per rendere l’idrogeno verde e i suoi derivati (come l’ammoniaca verde) la risorsa energetica ideale per vari settori, dalla produzione di acciaio a quella di fertilizzanti, dalla generazione elettrica alla navigazione su lunga distanza, nei quali esiste una potenziale domanda di breve termine in Europa e nel mondo.

“Accrescere la produzione e la penetrazione dell’idrogeno verde, anche utilizzando le infrastrutture esistenti, sarà decisivo per raggiungere gli obiettivi climatici globali. Questa nuova coalizione, composta da importanti aziende private con esperienza, competenze, impegno e fiducia nelle potenzialità dell’idrogeno, avrà un ruolo chiave nel favorire una sempre maggiore cooperazione globale e sviluppare i progetti necessari per portare i costi dell’idrogeno sotto la soglia dei 2 dollari al kilogrammo più velocemente delle attese”, ha detto l’amministratore delegato di Snam, Marco Alverà. 

L’idrogeno verde, prodotto utilizzando fonti rinnovabili (solare ed eolico) per permettere l’elettrolisi dell’acqua scindendola in idrogeno e ossigeno, è considerato essenziale per la decarbonizzazione di processi a elevate emissioni come l’industria e il trasporto pesante.

Green Hydrogen Catapult a sostegno della campagna Onu “Race to Zero”

La “Green Hydrogen Catapult” si propone di accelerare la produzione e l’utilizzo di idrogeno verde affinché possa progressivamente sostituire le fonti fossili e favorire il raggiungimento degli obiettivi di neutralità carbonica al 2050, limitando l’aumento delle temperature a 1,5 gradi Celsius. Per tale ragione, questa iniziativa si propone come un elemento chiave della strategia di azione in favore del clima nel settore privato avviata da Nigel Topping e Gonzalo Muñoz, High-Level Champions delle Nazioni Unite, attraverso la loro campagna “Race to Zero”.

Si stima che l’idrogeno verde possa coprire fino al 25% della domanda energetica mondiale entro il 2050 e diventare un mercato da 10 trilioni di dollari.

“Il mondo ha urgente bisogno di sviluppare massicciamente soluzioni avanzate come l’idrogeno verde. La visione e la leadership delle aziende può portare l’idrogeno verde lungo una traiettoria di crescita esponenziale per sostenere la ripresa economica e una profonda decarbonizzazione più velocemente delle attese", ha rimarcato proprio Nigel Topping. 

Investimenti per 110 miliardi di dollari per possibili 120mila posti di lavoro

I fondatori della Green Hydrogen Catapult intendono collaborare per accelerare lo sviluppo tecnologico, la produzione di componenti, lo sviluppo del mercato e gli investimenti. L’obiettivo di 25 GW fissato dai promotori richiederà investimenti per circa 110 miliardi di dollari con la possibilità di creare più di 120mila posti di lavoro, facilitando nel contempo la ripresa dalle conseguenze della pandemia di Covid-19.

Iniziativa aperta ad altri soggetti

Nel comunicato si sottolinea che altre aziende che condividono la stessa visione e hanno progetti in fase di sviluppo, così come investitori, consumatori e governi nazionali e regionali, sono invitati a partecipare all’iniziativa per favorire il raggiungimento dei suoi obiettivi, anche in vista del prossimo Climate Summit delle Nazioni Unite (COP26) previsto a Glasgow nel novembre 2021.

Il Rocky Mountain Institute, organizzazione e think-and-do-tank globale, faciliterà lo sviluppo dell’iniziativa insieme ai partner.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала