Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Treviglio (BG), infermiere picchiato per aver chiesto di usare la mascherina

© Sputnik . Evgeny Biyatov / Vai alla galleria fotograficaUn operatore medico si prepara per fare il prelievo di sangue per un test al coronavirus
Un operatore medico si prepara per fare il prelievo di sangue per un test al coronavirus - Sputnik Italia
Seguici su
L'aggressore è un uomo senza fissa dimora che dorme nel piano interrato dell'ospedale.

"Mi offri un caffè?".

"Ti offro anche la cena, però ti metti la mascherina".

Questo lo scambio di battute avvenuto all'ospedale di Treviglio che sabato 5 dicembre avrebbe portato all'aggressione dell'infermiere di pronto soccorso Luca Carminati, 53 anni.

L'infermiere ha appunto chiesto l'uso della mascherina a un uomo di 40 anni senza fissa dimora che dorme all'ospedale, il quale ha reagito picchiandolo, rompendogli così il dito mignolo della mano destra rotto.

Per Carminati 21 giorni di prognosi.

Solo dieci giorni prima nella stessa struttura si era verificata un'altra aggressione a un operatore sanitario, che aveva ugualmente richiesto di indossare la mascherina.

 

 

 

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала