Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Maduro afferma che gli USA hanno tentato di convincere la moglie a divorziare

© MaduroIncontro Maduro con Casini
Incontro Maduro con Casini - Sputnik Italia
Seguici su
Parlando con i giornalisti, il presidente venezuelano ha reso noto un paio di curiosi scambi che la sua famiglia ha avuto con le autorità statunitensi, anche se non direttamente, ma piuttosto attraverso i rispettivi inviati.

Il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha detto durante una conferenza stampa, trasmessa in diretta su Twitter, che il Rappresentante Speciale degli USA per il Venezuela e l'Iran, Elliott Abrams, aveva offerto a sua moglie, Cilia Flores, il sostegno incondizionato dell'amministrazione americana in cambio di un divorzio.

"Abbiamo sempre avuto un rapporto con Donald Trump attraverso i suoi inviati... Con Elliott Abrams anche attraverso gli inviati“, ha esordito, aggiungendo che una volta il diplomatico americano aveva inviato un messaggio a Cilia attraverso un tale contatto" suggerendo di divorziare dal presidente venezuelano.

“Se divorziate da Maduro, viaggerete all'estero, e vi daremo tutto il supporto, Cilia”, Maduro ha citato la cosa, facendo notare che sua moglie lo guardò negli occhi, lo abbracciò e disse in risposta: “Mai”.

"Questa non è una novella. Questa è la verità”, ha detto Maduro ai giornalisti.

Ha continuato a raccontare che dal momento che “pensano che siamo tutti corrotti e molto ricchi“, hanno detto che poteva “prendere tutte le sue ricchezze” con lei, ha detto il capo del paese latinoamericano citando Abrams.

I legami USA-venezuelani sono stati estremamente tesi negli ultimi dieci anni, con Washington che ha applicato sanzioni severe contro il Venezuela per presunte violazioni dei diritti umani e brogli elettorali.

Le amministrazioni di George W. Bush, Barack Obama e Donald Trump hanno tutte sostenuto le restrizioni, e tutti e tre i presidenti hanno sostenuto i tentativi di colpo di stato falliti contro il presidente socialista Nicolas Maduro e il suo defunto predecessore Hugo Chávez.

Il governo di Trump ha imposto un embargo sulle principali importazioni di petrolio dalla principale nazione sudamericana produttrice di petrolio e ha sequestrato i beni della filiale statunitense Citgo della National oil company PDVSA, esacerbando ulteriormente la crisi economica nella nazione.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала