Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Definito il motivo dell'estinzione della maggior parte degli uccelli incapaci di volare

© Foto : PixabayRepresentación de dodo, la ave no volador extinta
Representación de dodo, la ave no volador extinta - Sputnik Italia
Seguici su
Ricercatori dell'università di Göteborg hanno analizzato le dinamiche della popolazione di tutti gli uccelli esistiti sulla Terra. Nello studio è emerso che l'uomo è responsabile dell'estinzione di quasi tre quarti degli uccelli incapaci di volare.

La capacità di volare è un adattamento estremamente utile, ma che richiede molta energia. Non sorprende che, nelle giuste condizioni, gli uccelli non volino. Questo è più comune sulle isole dove non ci sono predatori terrestri o mammiferi.

I risultati paleontologici suggeriscono che gli uccelli incapaci di volare erano abbastanza comuni durante l'era Cenozoica. Tuttavia la comparsa e la diffusione dell'uomo sul pianeta ha reso la loro vita molto difficile: le persone non solo cacciavano uccelli che avevano perso la capacità di volare, ma anche ratti, gatti ed altre specie "ostili" hanno invaso i loro habitat.

Un team di ricercatori guidato da Ferran Sayol dell'università di Göteborg ha deciso di valutare l'impatto umano sulla diversità degli uccelli incapaci di volare.

Per il loro lavoro hanno redatto un elenco di tutte le specie di uccelli conosciute che si sono estinte dal tardo Pleistocene a partire da 126.000 anni fa fino ad oggi. Dopodiché hanno registrato separatamente le specie che hanno perso la capacità di volare. Gli autori non hanno analizzato le cause specifiche di estinzione per ciascuna specie: hanno ritenuto comune che gli esseri umani siano responsabili della stragrande maggioranza delle estinzioni dal tardo Pleistocene.

Gli autori hanno contato un totale di 581 specie di uccelli estinti, che rappresentano solo il 5% circa della diversità totale. Circa 166 specie, cioè il 29%, non potevano volare o lo facevano male. In confronto, oggi ci sono 60 specie di uccelli incapaci di volare sulla Terra. Se non fosse stato per l'estinzione dovuta all'uomo, ce ne sarebbero almeno 226. O ancora di più, affermano gli ornitologi, dal momento che i paleontologi non hanno scoperto tutte le specie estinte.

Lo studio ha rivelato un numero sproporzionato di specie estinte che avevano perso la capacità di volare. Complessivamente per "colpa" dell'uomo la diversità degli uccelli incapaci di volare è diminuita di quasi 3/4.

Inoltre in passato le specie di uccelli incapaci di volare erano non solo molto diverse, ma anche più ampiamente distribuite geograficamente.

I risultati dimostrano chiaramente l'impatto dell'uomo nella riduzione della diversità degli uccelli e, in particolare, delle specie incapaci di volare. Lo studio mostra come le estinzioni indotte dall'uomo distorcano le idee sull'evoluzione degli uccelli. Tenendo conto delle specie estinte, si scopre che uccelli di classi diverse si rifiutavano di volare molto più spesso delle specie moderne. In altre parole, il piccolo numero di specie di uccelli incapaci di volare che può essere osservato oggi non è una norma, ma un'anomalia, concludono i ricercatori.

I risultati dello studio sono stati pubblicati su Science Advances.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала