Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Ema critica la procedura di approvazione ultraveloce del vaccino in Gran Bretagna

Seguici su
L'ente regolatore britannico ha concesso con procedura ultrarapida l'autorizzazione d'emergenza dei vaccini Pfizer e Moderna, ma per l'agenzia europea non è la strada giusta da seguire.

L'Unione Europea ha criticato la rapida approvazione dei vaccini anti-Covid di Pfizer e Biontech in Gran Bretagna. L'agenzia europea (EMA) ritiene sia più appropriata una procedura più lunga poiché basata su maggiori prove e controlli, rispetto ad quella ultra-rapida scelta da Londra. 

Questo mercoledì l'agenzia per il farmaco britannica (MHRA) ha autorizzato con procedura ultrarapida l'utilizzo in urgenza del vaccino diventando il primo paese occidentale ad avviare la campagna di vaccinazione, che avrà inizio la prossima settimana.

Secondo quanto riporta Reuters, un portavoce della Commissione europea  ha affermato che la procedura dell'EMA è "il meccanismo di regolamentazione più efficace per garantire a tutti i cittadini dell'UE l'accesso a un vaccino sicuro ed efficace", poiché si basa su ulteriori prove.

Pfizer - Sputnik Italia
Governo Gb autorizza utilizzo del vaccino Pfizer-BioNTech
L'agenzia europea prenderà una decisione sull'autorizzazione provvisoria del vaccino Pfizer/Biontech entro il 29 dicembre. Lo ha dichiarato questo martedì subito dopo la presentazione della richiesta di autorizzazione da parte delle biotech. La MHRA, invece, ha impiegato solo 10 giorni per dare una risposta affermativa, seguendo una procedura ultra-rapida per la concessione dell'autorizzazione in uso di emergenza. Questa modalità prevede una revisione parziale dei dati messi a disposizione dalla società. 

Durissime le parole dell'ex capo dell'Ema, Guido Rasi, che ritiene rischiosa una procedura ridotta. 

Se si valutano solo i dati parziali come sta facendo la MHRA, ci si prende anche un minimo di rischio”, ha osservato l’ex direttore generale di EMA Guido Rasi. "Personalmente, mi sarei aspettato una solida revisione di tutti i dati disponibili, cosa che il governo britannico non ha fatto per poter dire che senza l’Europa si arriva primi”.

Anche gli europarlamentari hanno criticato la mossa dell'agenzia britannica, ritenendola "frettolosa". 

"Considero questa decisione problematica e raccomando agli Stati membri dell'UE di non ripetere il processo allo stesso modo", ha affermato Peter Liese, un parlamentare dell'UE membro del partito del cancelliere tedesco Angela Merkel.

Secondo le norme dell'UE, il vaccino Pfizer deve essere autorizzato dall'EMA, ma i paesi dell'UE possono decidere per una procedura di emergenza per somministrare il vaccino ad uso temporaneo.

La Gran Bretagna continua ad essere soggetta alle regole dell'UE sino a fine dell'anno, quando lascerà definitivamente il blocco europeo.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала