Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Covid-19, anche il cane di Boris Johnson potrebbe essere stato contagiato

© AP Photo / Kirsty WigglesworthBoris Johnson e il suo cane Dilyn
Boris Johnson e il suo cane Dilyn - Sputnik Italia
Seguici su
A lanciare l'indiscrezione è il tabloid britannico The Sun, le cui fonti avrebbero constatato un peggioramento dello stato di salute dell'animale in corrispondenza del periodo di malattia di Boris Johnson, intercorso tra la fine di marzo e l'inizio di aprile scorsi.

Il cane del primo ministro britannico Boris Johnson potrebbe essersi ammalato di coronavirus in contemporanea rispetto al suo padrone. A riferirlo quest'oggi è il quotidiano The Sun, citando come fonti delle persone vicine allo stesso Bojo.

"E' ben noto che a Downing Street si è verificata una verae propria epidemia ed è probabile che abbia coinvolto anche il piccolo Dilyn [il cane dei Johnson, ndr]. Quando Carrie [Symonds, la fidanzata di Boris Johnson, ndr] è stata contagiato dal virus, il cane è come entrato in letargo, sembrava sempre stanco e non saltava come al solito", ha riferito la fonte.

Ovviamente il tabloid ha sottolineato come il fatto che l'animale domestico dei Johnson si sia ammalato di Covid-19 resta per il momento soltanto un'ipotesi, dal momento che l'animale non è stato sottoposto ad alcun test di laboratorio.

Il 27 marzo scorso Boris Johnson ha annunciato di essere risultato positivo al coronavirus ed era stato costretto a trascorrere diverse settimane in ospedale, con i medici che per alcuni giorni i medici avevano dovuto tenerlo nel reparto di terapia intensiva. 

Era stato dimesso dall'ospedale il 12 aprile, per poi trascorrere un periodo di riposo nella sua residenza di campagna a Chequers.

Il Covid-19 negli animali

Sin dall'inizio della pandemia l'Organizzazione Mondiale della Sanità non ha mai escluso che gli animali possano essere suscettibili al Sars-CoV-2, sottolineando come casi del genere siano tuttavia finora risultati rari e circoscritti.

All'inizio del mese di novembre in Danimarca un'infezione dovuta ad un ceppo mutato di Covid-19 è stata diagnosticata ad un buon numero di esemplari di visoni in Danimarca, con le autorità del Paese scandinavo che hanno imposto l'abbattimento di milioni di animali per evitare che l'agente patogeno potesse passare all'uomo.

 

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала