Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

I militari italiani salvano cani randagi in Kosovo - foto

Militari italiani del Comando Regionale Ovest della Kosovo Force in aiuto ai randagi del Kosovo
Militari italiani del Comando Regionale Ovest della Kosovo Force in aiuto ai randagi del Kosovo - Sputnik Italia
Seguici su
I militari italiani del Comando Regionale Ovest della Kosovo Force sono impegnati anche per aiutare i randagi del Kosovo in sinergia con le associazioni animaliste locali e internazionali, tra cui l'Oipa.

I soldati italiani di base a Belo Polje, che fanno parte del Comando Kfor, oltre a monitorare lo sviluppo socio-economico del Paese e aiutare a mantenere sicurezza e stabilità per la popolazione del Kosovo, come forza militare internazionale guidata dalla Nato hanno a cuore anche il grave problema del randagismo lì presente.

Lo scorso agosto, il team LMT K14 della Kfor dell’Esercito Italiano, in relazione all'alto numero di cani e gatti randagi, ha iniziato a monitorare il fenomeno del randagismo nelle municipalità di Decane e Junik, constatando una carenza nella sensibilizzazione della popolazione e un’indisponibilità da parte delle autorità locali di mettere a disposizione fondi e mezzi per affrontare il problema.

​"Le amministrazioni locali si sono mostrate disponibili e aperte al confronto con i nostri militari e hanno chiesto supporto nella messa a punto di un progetto a lungo termine che possa fronteggiare il fenomeno, in collaborazione con le associazioni animaliste locali e internazionali, tra cui l’Oipa, i servizi veterinari locali e le organizzazioni agricole. Nell’attesa di definire un piano duraturo, i militari italiani del Comando Regionale Ovest Kfor non sono rimasti con le mani in mano, ma hanno donato fondi a un consorzio di veterinari locali per incentivare le sterilizzazioni e le vaccinazioni dei randagi nelle due municipalità" spiega il presidente dell’Oipa Italia Massimo Comparotto.

Militari italiani del Kofr in difesa dei randagi del Kosovo
I militari italiani salvano cani randagi in Kosovo - foto - Sputnik Italia
Militari italiani del Kofr in difesa dei randagi del Kosovo

Il progetto è stato interamente finanziato dal Ministero della Difesa italiano e realizzato dal 5° Reggimento Artiglieria terrestre (Lanciarazzi) "Superga" dell’Esercito attraverso i fondi Cimic (Cooperazione Civile e Militare) e ha già permesso la sterilizzazione e la vaccinazione di circa trenta cani.

In precedenza il Tribunale speciale ha confermato l'accusa per crimini di guerra del 1998-1999 nei confronti dell'ex presidente dell'autoproclamata repubblica del Kosovo Hashim Thaci, che agli inizi di novembre ha rassegnato le dimissioni, e successivamente è stato arrestato e messo in custodia all'Aia.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала