Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Ginnasta nordocoreano scappa in Corea del Sud saltando il confine alto 3 metri

Seguici su
Un giovane nordcoreano di bassa statura, arrestato per essere entrato illegalmente in Corea del Sud, è stato costretto a saltare nuovamente due volte il muro di 3 metri a protezione del confine per mostrare alle autorità incredule come potesse aver fatto. A quanto pare era un ginnasta.

Il Korea Herald riferisce il curioso caso di un giovane uomo sui vent’anni e di bassa statura nordcoreano che, arrestato dalle guardie di frontiera sudcoreane per aver oltrepassato il confine illegalmente all’inizio del mese, ha spiegato durante l’interrogatorio come avesse fatto a scavalcare il muro a protezione alto tre metri.

“L’ho scavalcato” pare abbia detto candidamente alle incredule guardie, ha riferito lunedì al giornale sudcoreano uno dei funzionari di Seul.

Inutili sono valse le spiegazioni e la reiterata affermazione “sono un ginnasta”. L’uomo è stato costretto a saltare un muro alto quanto la recinzione del confine intercoreano per ben due volte, tanto gli inquirenti non ci volevano credere. Alla fine è risultato che aveva ragione, aveva proprio scavalcato, si legge nell’articolo.

Le autorità sbigottite hanno dovuto ammettere che evidentemente il suo peso corporeo leggero e la sua esperienza da ginnasta, ma soprattutto le prove sperimentali, possano rendere il suo racconto verosimile.

Il 4 novembre, il nordcoreano è stato catturato e preso in custodia dall'esercito sudcoreano, poche ore dopo aver attraversato a piedi il confine intercoreano lungo gli avamposti generali del sud sulla costa orientale. Ha detto che era un civile che cercava di scappare.

L'esercito è stato accusato di quella che molti hanno visto come una risposta tardiva a una potenziale infiltrazione nordcoreana e una seconda breccia nella sicurezza vicino all'area. Nel 2012, un soldato nordcoreano era passato inosservato in un avamposto sudcoreano sotto la giurisdizione della stessa unità.

L'esercito deve ancora rivelare la conclusione della sua indagine sull'unità responsabile della cattiva gestione dell'incidente e sta ancora cercando di capire perché i sensori sulle recinzioni non abbiano attivato alcun allarme. Forse il giovane ginnasta nordcoreano dovrà mostrare nuovamente come si fa.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала