Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Processo Scripta Manent: blitz degli anarchici contro la sede de La Stampa a Torino

© AP Photo / Andrew MedichiniLa polizia antisommossa italiana durante una protesta
La polizia antisommossa italiana durante una protesta  - Sputnik Italia
Seguici su
Uova piene di vernice e una bomba carta lanciata davanti ai cancelli della redazione di Torino per protestare contro "l'informazione manipolata" e le violenze in carcere. Unanime dalla politica e dai sindacati la solidarietà alla redazione e ai giornalisti.

La sede de La Stampa e della redazione torinese de La Repubblica, sono stati bersaglio di un blitz degli anarchici, che questa mattina, poco dopo le nove, hanno lanciato uova piene di vernice verde e una bomba carta.

Prima di dileguarsi il gruppo, composto da circa 30 militanti di area anarchica, ha lasciato davanti ai cancelli di via Lugano 15 alcuni volantini per rivendicare l'azione.

L'attacco è legato al processo Scripta Manent, giunto alle battute finali, che vede sul banco degli imputati 23 anarchici. Nel volantino si accusano le redazioni di "informazione manipolata" e di "coprire con un complice silenzio" le violenze e le morti in carcere. I quotidiani vengono inoltre accusati di "indottrinare l'opinione pubblica alla criminalizzazione di chi si ribella alle leggi della discriminazione, dello sfruttamento e della morte". 

La solidarietà delle autorità

Unanime la condanna dell'attacco e la solidarietà alle redazioni de La Stampa e La Repubblica, da parte delle istituzioni, della politica e dei sindacati. 

Il presidente della regione Piemonte, Alberto Cirio, ha portato la sua solidarietà, della giunta, e del governo regionale piemontese "a coloro i quali sono impegnati nelle redazioni di Repubblica e La Stampa che sono state oggetto di attacchi da parte di anarchici che hanno, in modo incivile, inaccettabile e denunciabile, voluto esprimere le proprie posizioni dimenticandosi delle regole della democrazie e del rispetto", ha detto, ricordando di essere stato anch'egli vittima di simili episodi. 

Il sindaco di Torino,  Chiara Appendino ha espresso la sua "ferma condanna" per gli "indegni attacchi" alla sede di LaStampa e di Repubblica Torino.

"La violenza nei confronti di qualsiasi organo di informazione è violenza nei confronti della democrazia e, di conseguenza, di tutta la società. E di fronte alla violenza si fa fronte comune", ha twittato. 

Alle redazioni torinesi giunge la solidarietà di Mara Carfagna, vicepresidente della Camera dei Deputati, che esprime "solidarietà e vicinanza per il vile attacco subito a giornalisti e lavoratori de La Stampa e Repubblica".

" La libertà di informazione è un presidio fondamentale della nostra democrazia. Non si faranno intimidire e continueranno a svolgere con abnegazione il loro lavoro", ha ricordato la deputata di Forza Italia su Twitter.

​Piero Fassino, ex ministro del Pd,  ha definito l'attacco indegno e ha sottolineato "l'importanza dell'informazione libera è pilastro di ogni democrazia e qualsiasi atto di violenza deve essere condannato senza se e senza ma". 

La solidarietà arriva anche dai sindacati.

"Un fatto grave e vergognoso l’attacco violento di stamattina alla sede de #LaStampa e di #Repubblica a #Torino. Solidarietà della @CislNazionale alle due redazioni ed ai giornalisti. La libertà di informazione va sempre preservata", ha detto Annamaria Furlan, segretaria Cisl, in un tweet pubblicato dal sindacato. 

Nel processo scripta manent sono coinvolte le sigle FAI- FRI, ritenute responsabili di azioni intimidatorie tra il 2003 e 2006. Sull'episodio sta indagando la Digos.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала