Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Conflitto armato, scontri e profughi: cosa sta accadendo in Etiopia

Seguici su
Un conflitto armato tra il governo etiope e il Fronte Popolare di Liberazione del Tigré (TPLF) è iniziato all'inizio di novembre, dopo che il governo ha accusato le forze del Tigrè di aver condotto un attacco a una base militare nella regione.

Le forze del Tigré hanno annunciato martedì di aver "completamente distrutto" la 21a divisione meccanizzata dell'esercito etiope. Il governo etiope non ha ancora commentato l'affermazione. 

Le prime tensioni si sono registrate lo scorso settembre, quando il Fronte di liberazione popolare del Tigrai (Tplf), la regione etiope che confina con Eritrea e Sudan, ha chiesto al governo del premier etiope Abiy Ahmed di poter organizzare le elezioni locali che erano state posticipate a causa del Covid. Dopo il no di Addis Abeba l’amministrazione locale, guidata da Debretsion Gebremichael, ha deciso di procedere lo stesso con le consultazioni che il governo ha dichiarato illegittime.

Gli scontri veri e propri, però, sono scoppiati all’inizio del mese, quando il governo etiope ha lanciato la sua offensiva contro il Tplf, al potere nella regione dal 1991 e riconfermato al comando dalle ultime elezioni. Il premier ha accusato il Fronte di aver attaccato due basi militari federali per destabilizzare il Paese. Da quasi dieci giorni gli scontri vanno avanti e hanno già causato centinaia di vittime e migliaia di profughi verso le regioni confinanti.

Il timore degli osservatori è che il conflitto ora possa allargarsi ad un quadrante già fortemente instabile. Non solo. Negasi Tesfaye, esperto di politica etiope ad Addis Abeba, citato da Sputnik, ha espresso preoccupazione per il fatto che “il conflitto possa incrementare il numero di rifugiati che dall’Etiopia e dall’Eritrea arrivano in Europa attraverso Libia e Sudan”.

La regione dei Tigré è la più a nord tra le nove regioni (kililoč) dell'Etiopia. È popolata principalmente da persone di etnia tigrè e tigrina. Confina a nord con l'Eritrea, provincia che si rese indipendente dall'Etiopia nel 1993, e ad ovest col Sudan. Ha un'estensione di circa 50mila chilometri quadrati e oltre 4 milioni di abitanti.

© AFP 2021 / Eduardo SoterasUna ragazza ferita nei combattimenti a Humera, in Etiopia
Una ragazza ferita nei combattimenti a Humera, in Etiopia - Sputnik Italia
1/15
Una ragazza ferita nei combattimenti a Humera, in Etiopia
© AFP 2021 / Ashraf ShazlyProfughi etiopi in un campo profughi in Sudan
Profughi etiopi in un campo profughi in Sudan - Sputnik Italia
2/15
Profughi etiopi in un campo profughi in Sudan
© AFP 2021 / Ebrahim HamidNei giorni scorsi l'ONU aveva avvertito circa il probabile afflusso di profughi dalle zone di conflitto dell'Etiopia settentrionale
Nei giorni scorsi l'ONU aveva avvertito circa il probabile afflusso di profughi dalle zone di conflitto dell'Etiopia settentrionale - Sputnik Italia
3/15
Nei giorni scorsi l'ONU aveva avvertito circa il probabile afflusso di profughi dalle zone di conflitto dell'Etiopia settentrionale
© AFP 2021 / Ashraf ShazlySono almeno 25.000 le persone in fuga dalle zone di conflitto dell'Etiopia del Nord che stanno cercando rifugio nel vicino Sudan.
Sono almeno 25.000 le persone in fuga dalle zone di conflitto dell'Etiopia del Nord che stanno cercando rifugio nel vicino Sudan. - Sputnik Italia
4/15
Sono almeno 25.000 le persone in fuga dalle zone di conflitto dell'Etiopia del Nord che stanno cercando rifugio nel vicino Sudan.
© AFP 2021 / Ashraf ShazlyProfughi etiopi in un campo profughi in Sudan
Profughi etiopi in un campo profughi in Sudan - Sputnik Italia
5/15
Profughi etiopi in un campo profughi in Sudan
© AFP 2021 / Ebrahim HamidCampo di Um Raquba per rifugiati etiopi in fuga dai combattimenti nella regione del Tigrè
Campo di Um Raquba per rifugiati etiopi in fuga dai combattimenti nella regione del Tigrè - Sputnik Italia
6/15
Campo di Um Raquba per rifugiati etiopi in fuga dai combattimenti nella regione del Tigrè
© AFP 2021 / Eduardo SoterasLa scorsa settimana il governo centrale etiope ha accusato il Fronte di Liberazione del Tigrè, il partito al governo nella omonima regione, di aver lanciato un attacco contro una base militare federale, un'accusa negata dal partito.
La scorsa settimana il governo centrale etiope ha accusato il Fronte di Liberazione del Tigrè, il partito al governo nella omonima regione, di aver lanciato un attacco contro una base militare federale, un'accusa negata dal partito.  - Sputnik Italia
7/15
La scorsa settimana il governo centrale etiope ha accusato il Fronte di Liberazione del Tigrè, il partito al governo nella omonima regione, di aver lanciato un attacco contro una base militare federale, un'accusa negata dal partito.
© AFP 2021 / Eduardo SoterasIn seguito l'esecutivo ha annunciato lo stato di emergenza per il Tigré per un periodo della durata di 6 mesi, avviando un'operazione militare atta a ripristinare "l'ordine costituzionale", denunciando peraltro l'organizzazione di elezioni illegittime da parte del Fronte di Liberazione.
In seguito l'esecutivo ha annunciato lo stato di emergenza per il Tigré per un periodo della durata di 6 mesi, avviando un'operazione militare atta a ripristinare l'ordine costituzionale, denunciando peraltro l'organizzazione di elezioni illegittime da parte del Fronte di Liberazione. - Sputnik Italia
8/15
In seguito l'esecutivo ha annunciato lo stato di emergenza per il Tigré per un periodo della durata di 6 mesi, avviando un'operazione militare atta a ripristinare "l'ordine costituzionale", denunciando peraltro l'organizzazione di elezioni illegittime da parte del Fronte di Liberazione.
© REUTERS / Mohamed Nureldin Abdallah Un bambino rifugiato in coda per il cibo al campo profughi di Um Raquba al confine tra Sudan ed Etiopia
Un bambino rifugiato in coda per il cibo al campo profughi di Um Raquba al confine tra Sudan ed Etiopia - Sputnik Italia
9/15
Un bambino rifugiato in coda per il cibo al campo profughi di Um Raquba al confine tra Sudan ed Etiopia
© AFP 2021 / Ebrahim HamidUn rifugiato etiope in fuga da aspri combattimenti in patria nel campo profughi di Um Raquba
Un rifugiato etiope in fuga da aspri combattimenti in patria nel campo profughi di Um Raquba - Sputnik Italia
10/15
Un rifugiato etiope in fuga da aspri combattimenti in patria nel campo profughi di Um Raquba
© AFP 2021 / Eduardo SoterasUn uomo si trova in una casa danneggiata dai bombardamenti a Humera, in Etiopia
Un uomo si trova in una casa danneggiata dai bombardamenti a Humera, in Etiopia - Sputnik Italia
11/15
Un uomo si trova in una casa danneggiata dai bombardamenti a Humera, in Etiopia
© AFP 2021 / Eduardo SoterasI bambini giocano davanti a un hotel danneggiato da colpi di mortaio a Humera, in Etiopia.
I bambini giocano davanti a un hotel danneggiato da colpi di mortaio a Humera, in Etiopia. - Sputnik Italia
12/15
I bambini giocano davanti a un hotel danneggiato da colpi di mortaio a Humera, in Etiopia.
© AFP 2021 / Ashraf ShazlyUn medico disinfetta gli strumenti chirurgici in un campo profughi
Un medico disinfetta gli strumenti chirurgici in un campo profughi  - Sputnik Italia
13/15
Un medico disinfetta gli strumenti chirurgici in un campo profughi
© REUTERS / Mohamed Nureldin AbdallahUna donna etiope mostra le foto dei suoi parenti
Una donna etiope mostra le foto dei suoi parenti - Sputnik Italia
14/15
Una donna etiope mostra le foto dei suoi parenti
© AFP 2021 / Eduardo SoterasI bambini giocano davanti a un hotel danneggiato da colpi di mortaio a Humera, in Etiopia.
I bambini giocano davanti a un hotel danneggiato da colpi di mortaio a Humera, in Etiopia. - Sputnik Italia
15/15
I bambini giocano davanti a un hotel danneggiato da colpi di mortaio a Humera, in Etiopia.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала