Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Perché gli Emirati Arabi aprono un consolato nel Sahara occidentale?

© AFP 2021 / Karim Sahib Аравийские ориксы в заповеднике аравийских ориксов в месте Умм Аль-Замуль на границе Омана и Саудовской Аравии
Аравийские ориксы в заповеднике аравийских ориксов в месте Умм Аль-Замуль на границе Омана и Саудовской Аравии  - Sputnik Italia
Seguici su
Gli Emirati Arabi hanno annunciato l’apertura del Consolato generale nel Sahara occidentale. Per Sputnik ha commentato la situazione il ministro marocchino degli Esteri.

Gli Emirati Arabi sono stati il primo e finora l’unico Paese arabo ad aver inaugurato una rappresentanza diplomatica nel Sahara occidentale.

Le relazioni tra gli Emirati Arabi e il Marocco, il quale rivendica i territori del Sahara occidentale, sono buone. A tal proposito si è espresso di recente lo stesso re marocchino Muhammad VI in un suo intervento. Inoltre, il re ha espresso “grande gratitudine ad Abu Dhabi” per la decisione di inaugurare un consolato generale nel “Sahara marocchino”.

“Questo passo sposta la questione del supporto della sovranità marocchina nel Sahara occidentale dalla dimensione africana a quella araba”.

A sua volta il ministro marocchino degli Esteri, Naser Buritah, osserva che il processo di rafforzamento diplomatico di Rabat nel Sahara occidentale si sta svolgendo in maniera assai spedita.

Abu Dhabi, la capitale degli Emirati Arabi Uniti - Sputnik Italia
La blockchain ha portato agli UAE miliardi di dollari

“Effettivamente, gli UAE sono stati la prima nazione araba ad aver aperto in questi territori una rappresentanza diplomatica. Questo passo consentirà di semplificare e rafforzare la cooperazione tra le due monarchie arabe, nello specifico relativamente a questioni di sviluppo del Sahara occidentale. Inoltre, ora la questione della sovranità marocchina nel Sahara occidentale potrebbe essere trattata anche nell’ambito della Lega araba. Speriamo che sempre più Paesi arabi sostengano la nostra posizione e che l’esempio emirantense sia seguito da altri”, ha dichiarato.

In merito al riconoscimento diplomatico del Sahara occidentale da parte del Marocco, il ministro degli Esteri propone: “Al momento nelle città di El Aaiún e di Dakhla nel Sahara occidentale operano 15 consolati di Paesi dell’Africa occidentale, centrale e meridionale”.

Tuttavia, né l’Algeria né il Fronte Polisario sono felici di questo sviluppo degli eventi: infatti, per 20 anni i Paesi arabi si sono mantenuti neutrali in merito al riconoscimento della sovranità sul Sahara occidentale senza indicare una preferenza tra la posizione marocchina e quella algerina.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала