Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

I segreti degli inchiostri degli antichi egizi scoperti grazie alla scienza moderna

© REUTERS / Mohamed Abd El GhanyUn turista guarda il papiro del re Khufu alla mostra di apertura di 'I papiri di Khufu da Wadi al-Jarf' per la prima volta al Museo Egizio del Cairo, Egitto, 14 luglio 2016.
Un turista guarda il papiro del re Khufu alla mostra di apertura di 'I papiri di Khufu da Wadi al-Jarf' per la prima volta al Museo Egizio del Cairo, Egitto, 14 luglio 2016. - Sputnik Italia
Seguici su
La ricetta dell'inchiostro egizio in questione potrebbe essere correlata alle pratiche pittoriche sviluppate durante il Rinascimento.

Un team di ricercatori dell'European Synchrotron Radiation Facility (ESRF) a Grenoble, in Francia, e dell'Università di Copenhagen, in Danimarca, è riuscito a ottenere nuove informazioni sulla natura degli inchiostri utilizzati negli antichi papiri egizi risalenti al 100-200 d.C., riporta phys.org.

Secondo il media, gli scienziati hanno utilizzato i raggi X dell'ESRF per studiare l'inchiostro rosso e nero nei papiri "dall'unica biblioteca istituzionale su larga scala conosciuta per essere sopravvissuta dell'antico Egitto": la biblioteca del tempio di Tebtunis.

"Applicando la tecnologia all'avanguardia del XXI secolo per rivelare i segreti nascosti dell'antica tecnologia degli inchiostri, stiamo contribuendo a svelare l'origine delle pratiche di scrittura", ha affermato Marine Cotte, scienziato dell'ESRF e co-autore corrispondente della carta.

Come ha spiegato Cotte, una delle scoperte che hanno fatto è stata che il piombo è stato effettivamente aggiunto alla miscela di inchiostro, "non come un colorante, ma come un essiccatore dell'inchiostro, in modo che l'inchiostro rimanesse sul papiro".

Un insolito antico manufatto egizio scoperto per caso in Israele - Sputnik Italia
Un insolito antico manufatto egizio scoperto per caso in Israele

"Il fatto che il piombo non sia stato aggiunto come pigmento ma come essiccatore ne deduce che l'inchiostro aveva una ricetta piuttosto complessa e non poteva essere prodotto da chiunque", Thomas Christiansen, egittologo dell'Università di Copenaghen e co-autore corrispondente, ha osservato.

Il media nota anche che la ricetta dell'inchiostro può apparentemente essere correlata a "pratiche di dolore" sviluppate durante il Rinascimento, secoli dopo la creazione dei papiri in questione.

"Nel XV secolo, quando gli artisti riscoprirono la pittura a olio in Europa, la sfida era asciugare l'olio in un ragionevole lasso di tempo", ha detto Cotte. "I pittori si sono resi conto che alcuni composti di piombo potevano essere usati come essiccatori efficienti".

E mentre gli scienziati hanno stabilito che il colore rosso dell'inchiostro è stato prodotto dall'ocra, questo pigmento è "presente come particelle grossolane" mentre i composti di piombo sono "diffusi nelle cellule del papiro, su scala micrometrica", producendo così "un effetto anello di caffè intorno alle particelle di ferro, come se le lettere fossero delineate".

"Pensiamo che il piombo dovesse essere presente in uno stato finemente macinato e forse in uno stato solubile e che quando applicato, ha portato le particelle più grandi a rimanere al loro posto, mentre quelle più piccole 'si sono diffuse' intorno a loro", ha spiegato Cotte.
 

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала