Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Ankara: cessate il fuoco in Karabakh passo importante ma non è soluzione definitiva

© Sputnik . Mikhail Voskresenskiy / Vai alla galleria fotograficaЖители дома, разрушенного в результате обстрела города Гянджа в Азербайджане
Жители дома, разрушенного в результате обстрела города Гянджа в Азербайджане - Sputnik Italia
Seguici su
Il cessate il fuoco recentemente annunciato in Nagorno-Karabakh è uno passo importante, ma non può sostituire una soluzione definitiva al conflitto di lunga durata, ha detto sabato il ministero degli Esteri turco.

Come risultato dei negoziati di dieci ore a Mosca, che sono proseguiti fino alle prime ore di sabato, Armenia e Azerbaigian hanno deciso di cessare le ostilità nel Nagorno-Karabakh, a partire da mezzogiorno dell'orario locale (10 in Italia). Tuttavia, entrambe le parti hanno riferito che le ostilità sono proseguite dopo che la tregua è entrata in vigore.

"L'Azerbaigian ha dato all'Armenia l'ultima opportunità di ritirarsi dalle sue terre occupate. Il cessate il fuoco che è stato annunciato per lo scambio di prigionieri di guerra e corpi dei defunti è un primo passo importante, ma non sostituirà una soluzione definitiva al problema, e, come sempre affermato, la Turchia sosterrà la decisione che prenderà l'Azerbaigian. Con questo approccio, continuiamo a sostenere l'Azerbaigian", ha fatto sapere il dicastero diplomatico turco.

L'escalation in Nagorno-Karabakh

Una nuova escalation di ostilità, senza precedenti dalla guerra del 1992-1994, è scoppiata nel Nagorno-Karabakh il 27 settembre, con Armenia e Azerbaigian che si accusano a vicenda di averla provocata.

L'autoproclamata repubblica del Nagorno-Karabakh ha denunciato attacchi di artiglieria azera contro varie città tra cui la capitale, Stepanakert.

Russia, Stati Uniti e Francia, co-presidenti del Gruppo OSCE di Minsk incaricato di risolvere il conflitto di lunga data che dura da più di tre decenni, hanno chiesto la fine immediata delle ostilità in Karabakh e la ripresa del dialogo senza alcuna condizione preliminare.

Tuttavia, la Turchia ha promesso di sostenere l'Azerbaigian con tutti i mezzi necessari.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала