Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Borrell: Minsk si isola chiedendo il ritiro degli ambasciatori da Varsavia e Vilnius

Seguici su
Il capo della diplomazia europea, Josep Borrell, ha affermato che le autorità bielorusse si isolano chiedendo che Polonia e Lituania ritirino i loro ambasciatori da Minsk.

"La richiesta delle autorità bielorusse che Polonia e Lituania ritirino i loro ambasciatori e riducano significativamente le loro rappresentanze diplomatiche a Minsk è infondata e deplorevole. Va contro la logica del dialogo e isolerà ulteriormente le autorità di Minsk", ha affermato l'alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza dell'UE e vicepresidente della Commissione europea.

Borrell ha espresso la convinzione che Minsk non riuscirà a indebolire l'unità della comunità con i suoi attacchi a determinati Stati membri.

"Il Consiglio europeo lo ha chiaramente ribadito il 1° ottobre, quando tutti gli Stati membri dell'UE hanno invitato le autorità bielorusse a porre fine alla violenza e alla repressione, a liberare tutti i detenuti politici e a rispettare la libertà dei media comunicazione e società civile e avviare un dialogo nazionale inclusivo", ha affermato.

Il capo della diplomazia di Bruxelles ha ribadito che "l'UE continua a sostenere il diritto democratico del popolo bielorusso di eleggere il proprio presidente attraverso nuove elezioni libere ed eque, senza interferenze esterne".

La richiesta di Minsk

Il 2 ottobre, il ministero degli Esteri bielorusso ha proposto alla Polonia e alla Lituania di ridurre il personale diplomatico nel paese da 50 a 18 e da 25 a 14 rappresentanti, rispettivamente, prima del 9 ottobre, sostenendo "un'attività inequivocabilmente distruttiva da parte di quei Paesi".

Il ministero degli Esteri bielorusso ha anche convocato gli ambasciatori di Polonia e Lituania per i "gesti ostili" nei confronti della repubblica.

Sia Vilnius che Varsavia hanno respinto le proposte di Minsk.

In Bielorussia continuano le proteste per l'esito delle elezioni presidenziali del 9 agosto, che hanno concesso il sesto mandato ad Alexandr Lukashenko, al potere dal 1994.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала