Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Putin e Macron esprimono seria preoccupazione per i gravi scontri nel Nagorno-Karabakh

© Foto : Azerbaijani Defence Ministry / Vai alla galleria fotograficaNagorno-Karabakh
Nagorno-Karabakh - Sputnik Italia
Seguici su
I presidenti hanno discusso della situazione di tensione nella regione in una telefonata avviata dalla parte francese, invitando le parti in conflitto a deporre immediatamente le armi.

Il presidente russo Vladimir Putin e il suo omologo francese Emanuel Macron hanno espresso seria preoccupazione per le ostilità su vasta scala in corso nella regione del Nagorno-Karabakh.

"Le parti hanno discusso a lungo della drammatica escalation della situazione nella zona di conflitto del Nagorno-Karabakh", ha detto mercoledì in un comunicato il servizio stampa del Cremlino.

Putin e Macron hanno discusso le prossime azioni che il gruppo OSCE di Minsk potrebbe intraprendere per ridurre il conflitto nella regione, sottolineando che non ci sono alternative a una soluzione diplomatica della crisi nella regione.

"Le parti hanno notato che non c'era alternativa a una soluzione della crisi del Nagorno-Karabakh se non con metodi politici e diplomatici. In questo contesto, sono stati considerati parametri specifici di ulteriore interazione, principalmente nel formato del Gruppo di Minsk dell'OSCE", ha detto il Cremlino.

Entrambi i leader hanno invitato le parti in conflitto a "cessare completamente le ostilità il prima possibile, allentare le tensioni e mostrare moderazione".

La crisi nel Nagorno-Karabakh

La situazione si è intensificata domenica sulla linea di contatto in Karabakh tra Baku e Yerevan, con entrambe le parti che si sono accusate a vicenda di provocazioni.

L'Armenia e le autorità dell'autoproclamata repubblica, che sostiene le sue aspirazioni d'indipendenza dall'inizio degli anni '90, hanno dichiarato la legge marziale e la mobilitazione generale. L'Azerbaigian ha dichiarato legge marziale parziale e mobilitazione parziale e ha chiuso i suoi aeroporti a tutto il traffico internazionale a eccezione della Turchia, che si è impegnata a sostenere Baku.

L'escalation ha innescato un ampio contraccolpo internazionale, spingendo numerosi paesi e organizzazioni a invitare le parti in conflitto a cessare il fuoco e tornare ai negoziati presieduti dall'OSCE.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала