Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Bambina di 14 mesi in coma: trovate tracce di marijuana nelle urine

CC0 / / Cannabis
Cannabis - Sputnik Italia
Seguici su
La bambina, che nel frattempo si è ripresa, è stata tolta ai genitori e affidata a una struttura protetta per decisione del Tribunale dei minori.

I medici del Policlinico di Pavia hanno rilevato tracce di cannabis nelle urine di una bimba di 14 mesi in coma. L'episodio, avvenuto alcuni giorni fa, è riportato dal quotidiano locale La Provincia Pavese. 

Da alcuni giorni i genitori, residenti in Lomellina, avevano notato qualcosa che non andava nello stato di salute della piccola, che mostrava una frequente sonnolenza. Quando hanno risolto di portarla in ospedale, la bambina era già entrata in uno stato di coma. Ricoverata in reparto Pediatria del Policlinico San Matteo di Pavia, è stata sottoposta alle analisi che hanno sin da subito rilevato tracce della sostanza psicotropa nelle urine. 

Cocaina - Sputnik Italia
Cocainomane a soli dieci anni, bambina ricoverata
Alla scoperta, i medici hanno immediatamente allertato la polizia, che ha avviato le indagini. L'ipotesi più probabile è che la piccola possa aver raccolto da terra o sul tavolo delle piccole quantità di mariujana, dei genitori lasciate inavvertitamente per casa. 

Fortunatamente la bambina si è ripresa dopo il ricovero in ospedale, ma è stata sottratta dalla tutela dei genitori e affidata dal tribunale dei minori a una struttura protetta. 

L'allarme droghe leggere

Non è la prima volta che nel territorio pavese avviene un episodio del genere. Sempre al San Matteo nel dicembre 2018 una bambina di due anni e mezzo era finita in coma per aver ingerito droga. Nel sangue erano state trovate tracce di cannabinoidi e cocaina. 

In seguito a questi episodi il procuratore capo del tribunale dei minori di Milano, Ciro Cascone aveva lanciato l'allarme. 

 "Le droghe definite ‘leggere', e non si sa fino a che punto lo siano, appaiono ormai sdoganate in molti ambienti, anche se per legge non sono legali. E questo si traduce di fatto, purtroppo, in una maggiore esposizione dei bambini a sostanze che possono avere effetti anche gravi o gravissimi sulla salute". Questo il monito di Cascone.

 

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала