Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Lukashenko afferma di non aver chiesto a nessuno di essere riconosicuto come presidente legittimo

© Sputnik . Alexey Mayshev / Vai alla galleria fotograficaCorteo a sostegno del presidente Alexander Lukashenko a Minsk
Corteo a sostegno del presidente Alexander Lukashenko a Minsk - Sputnik Italia
Seguici su
Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha risposto alle accuse di mancanza di legittimità nel suo insediamento il 23 settembre sottolineando di non aver chiesto a nessuno di riconoscere tali eventi.

"Stanno gridando al cielo che non riconoscono questo e l'altro qui. Né avevamo chiesto a nessuno di riconoscere o smettere di riconoscere le nostre elezioni o la legittimità del presidente rieletto", ha detto Lukashenko all'agenzia Belta.

Il presidente bielorusso ha insistito sul fatto che sia le recenti elezioni che il suo insediamento si sono svolti in conformità con la Costituzione del Paese.

"Se vedete qualche incongruenza, è meglio che lo diciate", ha aggiunto.

Lukashenko ha sottolineato che il 23 settembre, come parte della cerimonia d'insediamento, il suo corteo "ha girato per l'intera città".

"Abbiamo sentito che qualcuno avrebbe potuto organizzare un qualche complotto contro di noi. Abbiamo girato l'intera città, in modo che la gente potesse vederlo", ha sottolineato.

Alexander Lukashenko ha assunto l'incarico del suo sesto mandato presidenziale mercoledì 23 durante una cerimonia d'insediamento tenutasi nella sua residenza ufficiale a Minsk senza preavviso o trasmissione in diretta.

All'evento hanno partecipato circa 700 persone, senza nessun ospite straniero o ambasciatore accreditato a Minsk. Prima della cerimonia, il corteo presidenziale ha girato per il centro della città, chiuso al pubblico.

Dopo l'insediamento di Lukashenko, il cosiddetto Consiglio di coordinamento, che riunisce ampi settori dell'opposizione bielorussa, ha chiesto una protesta a tempo indeterminato.

Unione Europea, Stati Uniti e Ucraina non hanno riconosciuto legittima l'elezione di Lukashenko, che nelle ultime elezioni presidenziali del 9 agosto ha ricevuto il sostegno di oltre l'80% delle persone, secondo il conteggio ufficiale.

L'opposizione ha denunciato numerose irregolarità elettorali e ha chiesto la ripetizione delle elezioni, opzione che il presidente ha escluso.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала