Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

RDIF non commenta sospensione sperimentazioni cliniche vaccino anti-COVID di AstraZeneca

© Foto : RDIFProduzione del vaccino russo contro il coronavirus
Produzione del vaccino russo contro il coronavirus - Sputnik Italia
Seguici su
Il Fondo russo per gli investimenti diretti (RDIF), che ha finanziato la produzione del vaccino russo Sputnik V, non ha commentato la sospensione delle sperimentazioni cliniche del vaccino sviluppato dalla compagnia farmaceutica AstraZeneca.

“Il Fondo russo per gli investimenti diretti (RDIF), in quanto investitore nella produzione del vaccino russo Sputnik V, non commenta la sospensione delle sperimentazioni cliniche del vaccino AstraZeneca.

Tuttavia in un articolo pubblicato su Sputnik in precedenza, il direttore di RDIF Kirill Dmitriev ha parlato della sicurezza maggiore dei vettori adenovirali umani rispetto a nuove tecnologie non comprovate come i vettori adenovirali delle scimmia o l'mRNA. La sicurezza del vettore adenovirale umano utilizzato nello Sputnik V è stata dimostrata nel corso di decenni in oltre 250 studi clinici poiché l'adenovirus umano si è dimostrato essere il meccanismo di somministrazione del vaccino più sicuro e più "organico per l'uomo", in quanto l'adenovirus umano coesiste con l'uomo da oltre 100.000 anni. Ha sottolineato in precedenza che, a differenza del vettore adenovirale umano ben studiato, non esistono studi a lungo termine per nuovi vaccini basati su mRNA e adenovirus delle scimmie".

L'alt di AstraZeneca

In precedenza il colosso farmaceutico AstraZeneca ha annunciato di aver bloccato i test sui volontari dopo la comparsa di una reazione avversa in uno dei pazienti, senza ulteriori specifiche sulla natura del possibile effetti collaterali. Il vaccino in questione è stato sviluppato in collaborazione con l'Università di Oxford e, secondo quanto riferito, ha coinvolto circa 30.000 partecipanti nel Regno Unito, negli Stati Uniti, in Brasile e in Sud Africa. AstraZeneca ha descritto la pausa come "routine" per consentire un "processo di revisione standard" dei "dati di sicurezza".

Il primo vaccino anti-coronavirus della Russia

L'11 agosto, la Russia ha registrato il primo vaccino al mondo contro COVID-19, chiamato Sputnik V, sviluppato dal Gamaleya National Research Center of Epidemiology and Microbiology e dall'RDIF dopo diversi round di studi clinici. Lunedì il vaccino è stato reso disponibile al pubblico.

Secondo RDIF, la Russia ha ora ricevuto richieste per 1 miliardo di dosi del vaccino; almeno 20 paesi, tra cui Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita, Indonesia, Filippine, Messico, Brasile e India, hanno espresso interesse a ottenere lo Sputnik V.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала