Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Direttore del Centro Gamaleya non esclude ricaduta del coronavirus dopo guarigione

© Sputnik . Vladimir Trefilov / Vai alla galleria fotograficaДиректор Научно-исследовательского института эпидемиологии и микробиологии имени Н. Ф. Гамалеи Александр Гинцбург
Директор Научно-исследовательского института эпидемиологии и микробиологии имени Н. Ф. Гамалеи Александр Гинцбург - Sputnik Italia
Seguici su
Il rischio di un secondo nuovo contagio del coronavirus SARS-CoV-2 esiste, ha affermato a Sputnik il direttore del centro di ricerca di epidemiologia e microbiologia dell'Istituto Gamaleya Alexander Ginzburg.
"Finora non ho visto alcuna pubblicazione scientifica sulla reinfezione. L'ho letto sulla stampa, l'ho sentito alla radio, ma non l'ho letto su riviste scientifiche. Di solito scrivono riferendosi ad una quantità molto grande di prove secondo un certo sistema", ha spiegato Gunzburg.

Secondo lo scienziato russo, il secondo contagio è possibile se per la prima volta una persona ha sofferto di COVID-19 "in forma lieve".

"Non è una novità tra le persone che in forma leggea, usando la terminologia influenzale, sono state malate "in piedi" e asintomatiche, con una febbre molto lieve che non rende necessaria la permanenza a casa: sicuramente non sviluppano l'immunità, hanno bisogno della vaccinazione. Si ammaleranno per la seconda o terza volta e soffriranno nella stessa forma lieve, non c'è niente di nuovo qui", ha osservato l'interlocutore dell'agenzia.

Ha sottolineato che le informazioni emergenti sui casi presumibilmente ripetuti di COVID-19, ovviamente devono essere prese in considerazione, ma è troppo presto per trattarle come un fatto affidabile.

La scorsa settimana, i media, citando gli scienziati dell'Università di Hong Kong, hanno scritto di "un caso confermato di reinfezione da coronavirus". Secondo loro, un 33enne residente a Hong Kong ha contratto il COVID-19 ad aprile, ma al suo ritorno dalla Spagna all'inizio di agosto è risultato nuovamente positivo.

Inoltre, i ricercatori del Nevada hanno affermato venerdì che a un uomo di 25 anni della città di Reno è stato diagnosticato il coronavirus SARS-CoV-2 per la seconda volta, sebbene avesse anticorpi.

Ieri Ginzburg ha riferito che prima di tutto la Russia inizierà a fornire all'estero la tecnologia del vaccino nazionale contro il coronavirus. 

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала