Pil dell’Italia nel secondo trimestre -12,8%, dato peggiore delle stime

© Foto : Agenzia Nova / Marco MinnaRoberto Gualtieri, Ministro dell'Economia e delle Finanze
Roberto Gualtieri, Ministro dell'Economia e delle Finanze - Sputnik Italia
Seguici suTelegram
I dati Istat sul Pil dell'Italia confermano una situazione economica difficile per il Paese. Ma i dati non sembrano preoccupare i mercati finanziari più di tanto.

-12,8% di Pil nel secondo trimestre del 2020 rispetto al primo trimestre, mentre rispetto al secondo trimestre del 2019 la caduta del Pil italiano è del -17,7%. Sono i dati ufficiali diffusi dall’Istat che confermano l’andamento negativo dell’economia italiana in questo periodo così critico per la storia mondiale.

I dati sono più cupi delle stime e confermano “la portata eccezionale della diminuzione del Pil” scrive l’Istat.

“A trascinare la caduta del Pil è stata soprattutto la domanda interna, con un apporto particolarmente negativo dei consumi privati e contributi negativi rilevanti di investimenti e variazione delle scorte. Anche la domanda estera ha fornito un apporto negativo, per la riduzione delle esportazioni più decisa di quella delle importazioni.”

Insomma un quadro fosco quello dipinto dall’Istat nel suo commento ma che non stupisce nessuno.

Spesa in tempo di quarantena - Sputnik Italia
Pandemia Covid-19 brucia 116 miliardi di consumi in Italia, 1.900 euro pro capite

Il FTSE MIB, che questa mattina aveva superato i 20mila punti, anche se ora è arretrato a 19.894 punti, è ancora in territorio positivo del +0,25%.

Anche il differenziale tra il Btp Italia e il Bund tedesco a 10 anni resta positivo con una diminuzione di giornata del -1,19% e uno spread a 149 punti base.

I mercati “riposano tranquilli” convinti che le banche centrali apporteranno tutto il sostegno necessario alla finanza, fino a che sarà necessario.

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала