Spallanzani, dati confortanti sulla prima dose di vaccino

© Foto : servizio stampa Fondo russo di investimenti diretti (Rfpi)Il primo vaccino russo contro il Covid-19
Il primo vaccino russo contro il Covid-19 - Sputnik Italia
Seguici suTelegram
“La volontaria sta benissimo”, ha annunciato nella trasmissione 'Coffee Break' su La7 il direttore sanitario dell’ospedale Francesco Vaia.

Inoculata la prima dose del vaccino sviluppato dall'azienda italiana ReiThera e messo a punto dall'Istituto Spallanzani di Roma a una signora romana di 50 anni.

I primi dati di laboratorio "sono molto confortanti", ha annunciato con soddisfazione a La7 il direttore sanitario dell'ospedale Francesco Vaia.

La volontaria è stata tenuta in osservazione per quattro ore e poi è stata rimandata a casa. Verrà monitorata nelle prossime settimane.

"Voglio ricordare che la signora ha lanciato un messaggio importante che voglio ricordare: mi sottopongo a questa sperimentazione perché credo nella sanità pubblica", ha sottolineato Vaia.

In questa prima fase di sperimentazione di circa 6 mesi verranno verificate sia la sicurezza del vaccino sia la capacità di produrre anticorpi neutralizzanti nell'organismo, ha dichiarato sempre Vaia, stavolta a Radio Uno.

Seguiranno una seconda e una terza fase, che consistono in test su ampia scala su persone affette da coronavirus. "Probabilmente andremo in Paesi latinoamericani dove il virus è molto più diffuso, pensiamo al Messico e Brasile. Se tutto va bene, pensiamo che in primavera ci sarà una eventuale commercializzazione", ha spiegato il direttore.

Il candidato vaccino italiano si chiama GRAd-COV2 ed è stato realizzato, prodotto e brevettato dalla società biotecnologica italiana ReiThera e finanziato dalla Regione Lazio e dal Ministero della Ricerca Scientifica.

Se la fase 1 avrà successo entro la fine dell'anno potranno prendere avvio le fasi 2 e 3.

 

 

 

 

 

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала