Coronavirus, premier spagnolo Sanchez autorizza comunità autonome a dichiarare stato di emergenza

© AFP 2022 / Fernando CalvoPedro Sánchez, presidente del Gobierno español
Pedro Sánchez, presidente del Gobierno español - Sputnik Italia
Seguici suTelegram
Le riunioni del Consiglio dei ministri riprendono dopo la pausa festiva. Il capo del governo spagnolo Pedro Sánchez sta rilasciando una dichiarazione istituzionale prima della consueta conferenza stampa.

L'intervento di Sanchez inaugura il nuovo ciclo politico segnato dall'avanzata del coronavirus: nell'ultimo fine settimana si sono registrati più di 19mila nuovi contagi nel Paese. Nel Paese iberico si contano complessivamente dall'inizio dell'epidemia più di 405mila casi di Covid, 28.872 hanno avuto esito letale.
Per combattere la diffusione del virus, Sanchez ha annunciato il rafforzamento dei mezzi messi in campo con il coinvolgimento dei militari.

"Il governo spagnolo metterà a disposizione delle comunità autonome uomini delle forze armate per svolgere compiti di tracciamento", ha spiegato Sánchez.

In questo modo le comunità autonome avranno a disposizioni 2.000 militari. Ha anche affermato che i militari coinvolti stanno ricevendo la corrispondente  formazione in modo che, se necessario, questo numero possa essere ampliato.

Oltre a questa misura Sanchez ha sostenuto il rafforzamento dei mezzi di tracciamento digitale.

"Anche la tecnologia può salvare vite umane", ha spiegato il presidente del consiglio spagnolo, sottolineando che per questo è stata promossa l'App "Radar Covid". 

Al momento 7 comunità autonome hanno la nuova App operativa e Sanchez ha chiesto al resto delle regioni di aderire al sistema di tracciamento digitale.

Sanchez ha inoltre annunciato che tutte le comunità autonome possono dichiarare lo stato di emergenza nel loro territorio nel caso lo ritenessero opportuno.

"Parlare di stato di emergenza non significa necessariamente parlare di lockdown", ha detto Sanchez.

"Se un presidente ritiene di aver bisogno di questo strumento legale nel suo territorio, il governo spagnolo è disponibile a conferirgli questo potere", ha assicurato.

Ripresa nuovi contagi

Con la riapertura delle attività e la revoca delle misure draconiane anti-contagio, accompagnate dalla riapertura totale delle frontiere interne e parziale di quelle esterne della Ue, nei Paesi europei, Italia compresa, si è assistito ad una ripresa dei nuovi contagi di coronavirus. 

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала