Nave quarantena Aurelia può attraccare ad Augusta: trovata intesa

© Filippo VinardiNave della compagnia Costa Crociere
Nave della compagnia Costa Crociere - Sputnik Italia
Seguici suTelegram
La nave quarantena Aurelia è attraccata nel porto di Augusta per fare rifornimento e per far sbarcare i migranti. Lampedusa sta esplodendo e ha bisogno che la nave torni vuota.

La nave quarantena Aurelia ha ottenuto il via libera all’attracco nel porto di Augusta dopo il lancio di ordinanze che l’hanno colpita bloccandola in mare.

A bordo della nave, infatti, ci sono 27 migranti positivi al nuovo coronavirus e 273 tunisini.

La sindaca della cittadina Cettina Di Pietro si era scagliata contro l’ipotesi di attracco nel suo porto della nave, che però ha bisogno di fare rifornimento.

Al termine di un vertice in prefettura a Siracusa, il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica ha dato alla sindaca tutte le rassicurazioni sanitarie richieste.

Dalla nave sbarcheranno solo i migranti non infetti per essere distribuiti nei centri di accoglienza a cui saranno destinati dalla prefettura e dal Ministero dell’Interno. I ricollocamenti dovrebbero essere tutti al di fuori della provincia di Siracusa.

La nave quarantena deve tornare davanti le coste di Lampedusa per effettuare un nuovo carico di migranti ed alleggerire così l’hotspot dell’isola siciliana che resta sempre sopra il limite massimo di capienza.

1400 persone a Lampedusa

A Lampedusa il record di presenza nell’hotspot non trova limite. La struttura di primissima accoglienza “ospita” al momento 1.400 persone dopo i 350 nuovi sbarchi giunti ieri venerdì 21 agosto.

La salute al primo posto

La sindaca di Augusta Cettina di Pietro, intanto, ha riferito la sua posizione sulla questione informando la cittadinanza su come stanno le cose.

“...a bordo della nave Aurelia, si stanno già effettuando i tamponi, a seguito del risultato dei quali, saranno autorizzati al trasbordo, presso mezzi predisposti dalla Prefettura, solo i migranti risultati negativi al tampone, nel rispetto della normativa e dei protocolli sanitari vigenti. Detti mezzi porteranno immediatamente i migranti alle destinazioni stabilite, tutte fuori dalla provincia di Siracusa.”

Video

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала