Coronavirus, Vincenzo De Luca pronto a isolare la Regione Campania

CC BY 3.0 / Jack45 / Vincenzo De Luca 2015Vincenzo De Luca
Vincenzo De Luca - Sputnik Italia
Seguici suTelegram
Vincenzo De Luca pronto a chiudere la Regione Campania e a impedire che si possa giungere da altre regioni. Contrari alla sua presa di posizione i governatori di tutte le altre regioni italiane.

“Numeri di contagi alla mano, se avremo dati preoccupanti, chiederemo al Governo di ripristinare la limitazione della mobilità interregionale. E lo faremo con grande determinazione.”

Lo ha detto il governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca durante la sua diretta Facebook per aggiornare i campani sulla situazione nuovo coronavirus in regione.

Mentre all’aeroporto di Capodichino proseguono i test con tamponi molecolari su chi rientra dalla Grecia, Spagna, Croazia e Malta, come prevedono le ordinanze nazionali, il governatore De Luca si preoccupa del futuro e così si proietta in avanti, prefigurando scenari peggiori di quelli che invece il governo centrale ha stimato.

Il Ministero della Salute, infatti, prevede una situazione migliore di quella che si sta verificando nel resto dell’Europa. L’Italia presenta una ripresa dei contagi più bassa rispetto ad altri Paesi in cui il numero di contagi da Sars-CoV-2 hanno raggiunto livelli allarmanti da giorni.

Il sistema sanitario non è in sofferenza

Inoltre il sistema sanitario non presenta situazioni di criticità, le terapie intensive non sono sotto pressione e quindi non c’è nessuna necessità di ricorrere a misure drastiche. Questa sarebbe la linea del governo Conte sulla gestione dell’emergenza.

In caso, invece, di ulteriori focolai, anche consistenti, questa volta la strategia sarà differente. Non si pensa a chiusure generalizzate, ma a chiusure localizzate con zone rosse “chirurgiche” che possono riguardare una palazzina, un quartiere o un paesino, ma non una intera regione o addirittura tutta Italia.

Anche a scuola, secondo le ultime informazioni trapelate dal Comitato tecnico scientifico, se si dovesse trovare un caso positivo si isolerà lo studente o la studentessa infetta, si effettuerà la ricostruzione della catena di contatti e al massimo andrà in quarantena tutta la classe.

Cosa ne pensano gli altri presidenti di Regione

Non sono in linea con De Luca tutti gli altri presidenti di Regione. Nel Lazio l’approccio è differente, dove si punta alla individuazione e circoscrizione degli eventuali focolai.

Anche Musumeci dalla Sicilia considera il pensiero del “collega De Luca”, un “provvedimento estremo”.

In definitiva i governatori, eccetto De Luca, sono poco propensi a isolare la propria regione e pensano eventualmente a zone rosse chirurgiche per gestire eventuali focolai.

Video. Le parole di De Luca

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала