Secondo intercettamento giornaliero di aerei militari stranieri presso confini russi

© Sputnik . Vitaly AnjkovAereo militare russo Su-27
Aereo militare russo Su-27 - Sputnik Italia
Seguici suTelegram
Il Centro nazionale di controllo della difesa della Federazione Russa ha segnalato il secondo intercettamento di aerei militari stranieri della giornata vicino ai confini della Russia: un caccia Su-27 ha intercettato 3 aerei da ricognizione statunitensi e britannici sul Mar Nero.

Nella giornata di oggi il Centro di controllo di difesa nazionale della Federazione Russa aveva riferito che un caccia Su-27SM ha scortato un aereo da ricognizione dell'aviazione statunitense sul Mar Baltico, che poi ha invertito la rotta per allontanarsi dai confini russi.

"Il 17 agosto i dispositivi di controllo dello spazio aereo russo sulle acque internazionali del Mar Nero hanno rilevato 3 bersagli aerei in avvicinamento verso i confini di Stato della Federazione Russa. Per identificare gli obiettivi aerei e impedire lo sconfinamento nel territorio russo, un caccia Su-27 delle forze di difesa aerea del Distretto militare meridionale è stato fatto decollare", si legge nel comunicato.

Si noti che l'equipaggio del caccia russo da una distanza di sicurezza ha identificato gli obiettivi aerei come l'aereo da ricognizione strategica RC-135 dell'Aviazione statunitense, l'aereo da pattugliamento R-8A Poseidon della Marina americana e l'aereo da ricognizione R-1 Sentinel della Royal Air Force britannica.

"Dopo l'inversione di rotta degli aerei stranieri dal confine di Stato della Federazione Russa, il caccia è tornato integro e in sicurezza alla sua base. L'intero volo del caccia russo Su-27 è avvenuto rigorosamente in conformità con le norme internazionali per l'uso dello spazio aereo", si evidenzia nel comunicato.

Si sottolinea che agli aerei di Usa e Regno Unito è stato impedito di violare i confini russi.

Nell'ultimo periodo si sono intensificati i casi di intercettamento di aerei da ricognizione americani vicino ai confini della Russia: dall'inizio di agosto sono stati segnalati più di una decina di episodi del genere, in particolare nel Mar Nero e nel Mare di Barents.

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала