Mauritius, si spezza in due petroliera giapponese MV Wakashio – Video

© AFP 2022 / Sumeet Mudhoo / L'Express MauriceСудно MV Wakashio, севшее на мель у побережья юго-восточного Маврикия
Судно MV Wakashio, севшее на мель у побережья юго-восточного Маврикия - Sputnik Italia
Seguici suTelegram
Si è spezzata in due la nave petroliera giapponese MV Wakashio che da fine luglio giace sui fondali davanti l'isola delle Mauritius. Disperati i tentativi della popolazione di arrestare lo sversamento.

Si è spezzata in due tronconi la petroliera giapponese MV Wakashio che dallo scorso 25 luglio giace arenata a poca distanza dalle coste dell’isola stato delle Mauritius.

La nave era stata svuotata del suo carico di carburante a partire dal 10 agosto grazie a una nave della Indian Oil Ltd, la Tresta Star, giunta sul posto appositamente per scongiurare lo sversamento in mare di decine di migliaia di litri di carburante (4mila tonnellate di carburante stivati).

Adesso le operazioni di recupero del relitto si complicano, perché andranno recuperate le due parti separate della MV Wakashio. Tuttavia il disastro ambientale devastante è stato scongiurato, perché come mostra il video aereo della AFP, le stive della petroliera sono vuote.

Le Mauritius da sole non possono farcela

Le Mauritius hanno già chiesto aiuto al presidente francese Emmanuel Macron e alle Nazioni Unite perché di fronte a un disastro del genere non hanno le risorse e gli strumenti adeguati per poter intervenire in autonomia.

Barriere con canne da zucchero

Sul luogo del disastro sono accorsi in massa i cittadini dell’isola per salvare il salvabile e così hanno realizzato barriere con quello che hanno, utilizzando canne da zucchero, tessuto e addirittura bottiglie di plastica vuote nel disperato tentativo di raccogliere il petrolio sversato in mare.

Non mancano comunque le situazioni bizzarre racconta l’Agi, con barbieri che tagliano capelli poi usati per rinfoltire le barriere di contenimento del petrolio sversato in mare.

Ci si affida anche alla musica, con musicisti che si esibiscono gratuitamente notte e giorno e ancora chioschi di chi rifornisce di cibo i volontari impegnati nelle attività.

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала