Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Hormuz, forze speciali iraniane sequestrano per 5 ore una petroliera

© AFP 2021 / EBRAHIM NOROOZI / JAMEJAM ONLINENavi iraniane nello stretto di Hormuz
Navi iraniane nello stretto di Hormuz - Sputnik Italia
Seguici su
Continuano le tensioni sullo stretto di Hormuz, nodo nevralgico per il trasporto del petrolio in Medio Oriente.

La marina iraniana ha abbordato e sequestrato brevemente una petroliera battente bandiera liberiana, la Wila, nei pressi dello Stretto di Hormuz, alimentando nuovamente le tensioni geostrategiche con gli Stati Uniti.

A riferirlo in un comunicato è il Comando centrale delle forze armate americane, che hanno pubblicato un video in bianco e nero dell'operazione portata a termine dalle forze speciali di Teheran.

Dalle immagini è possibile vedere i militari iraniani calarsi giù con una corda da un elicottero Sikorsky SH-3 Sea King sulla plancia della petroliera sequestrata.

Il vascello, che non ha lanciato alcun segnale di S.O.S., è stato sequestrato per circa cinque ore prima di essere rilasciato nella giornata di mercoledì, hanno riferito da Washington ad Associated Press.

Al momento non è chiaro il motivo per cui le autorità iraniane abbiano proceduto al sequestro della petroliera e i canali ufficiali media dei Teheran non hanno ancora reso noto il motivo dell'accaduto.

Hormuz e le tensioni con gli USA

Negli ultimi anni, a causa delle tensioni con i Paesi occidentali, ed in primo luogo con gli USA, Teheran ha minacciato ripetutamente la chiusura dello Stretto di Hormuz, una via marittima nevralgica per il trasporto di petrolio nella regione mediorientale.

Nell'estate 2019 Hormuz è stato teatro del sequestro della petroliera britannica Stena Impero, accusata dalle autorità della Repubblica Islamica di aver violato le leggi marittime internazionali, e rilasciata solo alla fine di settembre.

Stati Uniti e Iran sono arrivati ad un passo dallo scoppio di un conflitto militare, dopo che il 14 settembre dello stesso anno dei droni delle milizie yemenite Houthi hanno effettuato un attacco su due raffinerie saudite della compagnia Aramco Oil.

Per questo incidente gli USA, supportati da UE e Arabia Saudita, hanno condannato l'Iran, che ha però a più riprese rispedito al mittente ogni accusa.

 

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала