Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Vaccino anti-Covid russo, Ministero Salute: "Prima partita disponibile in 2 settimane"

© Foto : servizio stampa Fondo russo di investimenti diretti (Rfpi)Il primo vaccino russo contro il Covid-19
Il primo vaccino russo contro il Covid-19 - Sputnik Italia
Seguici su
Dopo l'annuncio della registrazione del preparato arrivano anche le prime informazioni su quando il vaccino sarà reso disponibile per l'uso.

Il ministro della Salute russo Mikhail Murashko ha annunciato quest'oggi che la tanto attesa prima partita di vaccini per il Covid-19 saranno disponibili per l'uso entro due settimane.

"Ad oggi sono in corso i controlli qualità. Entro due settimane la prima partita del preparato sarà rilasciata e verrà consegnata per la vaccinazione di medici che fanno parte dei gruppi di rischio", ha spiegato Murashko.

Il ministro ha quindi sottolineato che la vaccinazione sarà volontaria per chiunque, inclusi i medici, aggiungendo che è in fase di sviluppo una nuova app di tracciamento che consentirà ai cittadini russi di confermare il proprio stato di salute.

L'applicazione sarà inoltre utilizzata per monitorare eventuali effetti collaterali del preparato sui soggetti che decideranno di farselo inoculare.

Murashko ha poi chiarito che, sebbene il vaccino sia destinato ad essere utilizzato primariamente in Russia, non è stato disposto alcun divieto alla sua esportazione.

Rispondendo alle critiche sul preparato arrivate dall'estero, il funzionario ha definito le accuse prive di fondamento e causate dalla paura di una competizione corretta.

Il primo vaccino russo contro il Covid-19 - Sputnik Italia
“È come un taxi” – Dmitriev spiega come funziona il vaccino russo contro il COVID-19

Il nuovo vaccino russo contro il coronavirus

Nella giornata di ieri il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato la registrazione del primo vaccino russo, denominato Sputnik-V, per il Covid-19.

Il preparato è stato sviluppato congiuntamente dall'Istituto di ricerca Gamaleya e dal Ministero della Difesa della Federazione Russa.

I test clinici sono iniziati il 18 giugno e hanno visti impegnati 38 volontari, che hanno sviluppato immunità al virus e sono stati dimessi il 15 e il 20 luglio scorsi.

La produzione di massa del nuovo preparato ha già avuto inizio presso il complesso industriale farmaceutico della AFK Sistema Binnopharm e ci si aspetta che nel primo anno vengano prodotti circa 500 milioni di dosi.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала