Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Radicalizzazione dell'Islam in Francia, in Borgogna una scuola di Imam - Video

© AP Photo / Matt RourkeIl Corano
Il Corano - Sputnik Italia
Seguici su
Nel mirino in Francia le scuole di Imam, legate alla fratellanza musulmana e sospettate di radicalizzazione dopo che alcuni ex membri di un istituto di Saint Denis si sono uniti alla jihad islamica.

Nel cuore del Morvan, in Borgogna- Franche-Comté, è sorta una scuola dei fratelli musulmani, che ha come "padrino" Youssef al-Qaradawi, intellettuale musulmano di origine egiziana con un ruolo dirigente nell'organizzazione della "fratellanza" e conduttore di "Sharia e vita" su Al Jazeera. 

La Francia ha gli occhi puntati sulle scuole islamiche, dopo l'inchiesta sull'Istituto di Studi in Scienze umane (IESH) di Saint-Denis, aperta dalla procura di Bobigny un mese fa, in seguito all'adesione di alcuni ex studenti alla jihad poi partiti per la Siria. 

A evidenziare l'esistenza di un'altra "madrassa" in Francia sul suo account Twitter è Waleed al-Husseini, saggista specializzato in questioni legate all'Islam e Islamismo e fondatore del Consiglio degli ex musulmani di Francia.

"Nel cuore del Morvan, una scuola dei fratelli musulmani (IESH con come Parain Youssouf Al Qaradawi). Lo stesso di quello di St Denis che è stato appena chiuso. C'è il campo estivo con ragazze pre-adolescenti velate", scrive al Husseini.

​Le indagini sulle scuole islamiche

Lo scorso 18 giugno la procura di Bobigny ha aperto un'inchiesta su “violazione della fiducia” e “occultamento di violazione della fiducia”, nei confronti dello IESH, per alcune "zone grigie" emerse negli insegnamenti coranici e nelle fonti di finanziamento. Il sospetto è che all'interno della scuola si pratichi l'indottrinamento finalizzato alla radicalizzazione degli studenti. Nel mirino, secondo quanto riporta Le Parisien, il decano dell'istituto, lo sceicco Ahmed Jaballah, ex presidente dell’Unione delle organizzazioni islamiche francesi (UIOF), per delle frasi equivoche riguardanti le finalità degli insegnamenti. 

"E' un razzo a due stadi, uno democratico, l'altro metterà in orbita la società islamica", avrebbe detto Jaballah, che però nega di aver mai affermato parole del genere. 

Un'altro filone dell' indagine riguarda alcuni studenti dello IESH di Saint-Denis successivamente diventati jihadisti. È il caso di Reda Hame, reclutata in Siria per attaccare una sala da concerto a Parigi, o Inès Madani, condannata a 30 anni di carcere dopo aver tentato di far saltare in aria un'auto vicino a Notre-Dame nel settembre 2016.

Anche le fonti di finanziamento sono nel mirino della giustizia. Le autorità avrebbero notato una mancata corrispondenza tra il fatturato dell'istituto e i suoi investimenti immobiliari. Al vaglio anche diversi recenti trasferimenti di denaro effettuati tra Kuwait, Qatar e IESH.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала