- Sputnik Italia
La situazione in Afghanistan
Dopo la presa di potere da parte dei talebani il futuro appare incerto per l'Afghanistan. Le forze militari guidate dagli USA si sono ritirate dal paese dopo 20 anni. Mentre alcune nazioni continuano a evacuare i loro cittadini, il paese dell'Asia centrale vive una crisi politica e umanitaria.

Afghanistan, quattro bambini e due donne uccisi da un colpo di mortaio

© AP Photo / Bashir Khan SafiForze di sicurezza in Afghanistan
Forze di sicurezza in Afghanistan - Sputnik Italia
Seguici suTelegram
L'attacco è avvenuto nella provincia afghana di Gawr, provocando almeno sei vittime tra civili e otto feriti, secondo quanto riportano le agenzie locali.

Un attacco eseguito a colpi di mortaio ha ucciso almeno sei civili, quattro bambini e due donne, nel distretto di Davlat-Yar il 10 agosto. Tra i feriti ci sono donne e bambini. L'attacco è stato ordinato dal capo di una banda locale. Lo riporta la televisione nazionale Shamshad.

Nonostante una forte presenza militare degli USA e dei suoi alleati, l'Afghanistan sta vivendo una situazione di instabilità a causa degli attacchi lanciati dai talebani e, dal 2015, dal sedicente Stato Islamico (entrambe organizzazioni, bandite in Russia e in altri Paesi, come terroristi).

Proprio è stato compiuto un passo storico verso la pace. Il presidente Ashraf Ghani ha annunciato il rilascio di 400 prigionieri talebani, condizione posta dal gruppo islamico per avviare i negoziati, che dovrebbero aver luogo entro una settimana dalla scarcerazione di tutti i guerriglieri detenuti, anche i più irriducibili. 

L'inviato speciale statunitense Zalmay Khalilzad, che a febbraio ha raggiunto un accordo con i talebani per il ritiro delle ultime truppe statunitensi, ha accolto con entusiasmo questa decisione, definita un passo storico, dopo 40 anni di guerra, per la pace nel Paese e la stabilità nella regione. 

"Nei prossimi giorni, ci aspettiamo il completamento del rilascio dei prigionieri, quindi il viaggio della squadra della Repubblica islamica a Doha, e da lì l'inizio immediato dei negoziati intra-afghani", ha detto su Twitter. 

I talebani avevano chiesto la liberazione degli ultimi 400 prigionieri su 5.000, come condizione per prendere parte ai colloqui di pace. Ma il governo era stato titubante poiché questi prigionieri erano coinvolti in gravi fatti di sangue, tra cui un attentato al camion del 2017 vicino all'ambasciata tedesca a Kabul durante il quale erano state uccise più di 150 persone.

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала