Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Speranza semplifica l’aborto: bastano due pillole assunte in day hospital

CC0 / Pixabay / Una donna incinta
Una donna incinta - Sputnik Italia
Seguici su
Il Ministro della Salute Roberto Speranza ha pubblicato la nuova direttiva per l'uso della RU486 per l'aborto farmacologico, il quale si potrà effettuare in day hospital.

“Le nuove linee guida, basate sull’evidenza scientifica, prevedono l’interruzione volontaria di gravidanza con metodo farmacologico in day hospital e fino alla nona settimana.

È un passo avanti importante nel pieno rispetto della 194 che è e resta una legge di civiltà del nostro Paese”.

Lo scrive su Facebook il ministro della Salute Roberto Speranza che i questo modo semplifica ulteriormente l’aborto con metodo farmacologico entro le prime nove settimane di gestazione.

Le nuove direttive modificano in pratica i protocolli per l’assunzione della pillola RU486 che potrà essere usata senza ricovero, ma basterà una giornata trascorsa in ospedale e la sera la donna potrà tornare a casa a condurre la sua vita normale.

La risposta del Movimento per la Vita alla RU486

In occasione della Relazione del Ministro della Salute sull’attuazione della Legge 194/78, la presidente del Movimento per la Vita così commentava l’uso della RU486.

“La relazione riferisce anche dell’aumento della RU486 (aborto farmacologico) che è in linea con la tendenza a “semplificare” l’aborto rendendolo più “pulito” e quindi più accettabile. Ma sempre di uccidere si tratta. Infatti, la cosa inquietante della RU (pesticida umano, la chiamava Lejeune) è che la distruzione di un figlio viene realizzata banalmente con un sorso d’acqua per accompagnare l’assunzione di una e poi di un’altra pasticca.”

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала