Un fattore inaspettato aumenta il rischio di morte per Covid-19

© REUTERS / Ueslei MarcelinoUn paziente di COVID-19 in un ospedale di Goiania, Brasile
Un paziente di COVID-19 in un ospedale di Goiania, Brasile - Sputnik Italia
Seguici suTelegram
Gli scienziati hanno scoperto un nuovo fattore che influisce sul rischio di morte nei pazienti contagiati dal coronavirus.

Il corrispondente studio è stato pubblicato sul portale BMC Medicine.

Gli esperti del Centro per la ricerca cardiovascolare della Icahn School of Medicine sul Monte Sinai hanno analizzato le cartelle cliniche di 7.614 persone. Hanno preso in considerazione il rapporto tra la temperatura del paziente al momento del ricovero e l'ulteriore decorso della malattia.

I ricercatori hanno concluso che la temperatura corporea durante l'infezione del coronavirus può indicare il rischio di morte. Allo stesso tempo sia le temperature troppo alte che troppo basse si sono rivelate pericolose: se la temperatura supera i 40 °C, il 42% dei casi ha avuto poi esito letale, mentre con temperatura inferiore a 35,5 °C i decessi si sono registrati con una frequenza del 44%.

Gli scienziati sottolineano che il monitoraggio della temperatura corporea è un importante modo non invasivo per prevedere i possibili rischi nei pazienti con coronavirus.

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала