A Scuola!

© Evgeny UtkinManifestazione "A Scuola" a Milano
Manifestazione A Scuola a Milano - Sputnik Italia
Seguici suTelegram
25 luglio, 15.00. 35 gradi sotto il sole cocente. Tutti corrono alla stazione Centrale per scappare al mare o in montagna. Ma diverse centinaia di persone sono rimaste invece in Piazza Duca D'Aosta, a Milano, per partecipare alla manifestazione “A Scuola!”, promossa dalle associazioni civili e da ComiCost.

Nessun politico sulla tribuna. Parlano medici, insegnanti, professori, avvocati.  Tutti vogliono una scuola sicura, ma reale, non virtuale. Non le lezioni on-line, ma le vere lezioni in aula, in contatto con insegnanti. Parlano di mascherine, di vaccinazione, di incostituzionalità di alcune decisioni del governo. 

I bambini hanno sofferto delle conseguenze di una chiusura rigidissima e prolungata in casa, che ha provocato a tanti danni alla salute psico-fisica.

La Ministra Azzolina a Gioia Tauro alla presentazione del Piano per il sud - Sputnik Italia
Azzolina firma ordinanza: scuola riparte 14 settembre
Appena il giorno prima la ministra Lucia Azzolina ha firmato l'ordinanza che stabilisce l'avvio delle lezioni per l'anno scolastico 2020/21 dal giorno 14 settembre 2020. La data prevista vale per tutte le scuole dell'infanzia, del primo ciclo e del secondo ciclo di istruzione appartenenti al sistema nazionale di istruzione, compresi i Centri provinciali per l'istruzione degli adulti, su tutto il territorio nazionale. Le Regioni adotteranno, poi, le determinazioni di propria competenza in materia di calendario scolastico. 

Ma l'Ordinanza è stata criticata duramente. I relatori hanno parlato di possibili chiusure di tante scuole non appena cominceranno a funzionare, di possibili chiamate al 118  senza avvisare i genitori se bambino avrà sintomi di malattia, di certe regole anticovid a loro detta molto discutibili. I bambini e i ragazzi si ammalano infatti di covid molto poco e, anche quando questo avviene, con manifestazioni cliniche blande e con un rischio di trasmissione molto basso.

I bambini, secondo gli organizzatori, hanno diritto a una socialità libera, senza paure e ricatti, in sicurezza; hanno diritto ad una Scuola riformata, a loro misura, e ad una scuola da amare, da vivere con gioia, si legge nel Manifesto degli organizzatori.

Questa è stata la prima grande manifestazione, ma se ne prevedono altre ad agosto e settembre.

© Evgeny UtkinManifestazione "A Scuola" a Milano
Manifestazione A Scuola a Milano - Sputnik Italia
1/10
Manifestazione "A Scuola" a Milano
© Evgeny UtkinIl palco in Piazza Duca D'Aosta a Milano
Il palco in Piazza Duca D'Aosta a Milano - Sputnik Italia
2/10
Il palco in Piazza Duca D'Aosta a Milano
© Evgeny UtkinAlessandra Devetag
Alessandra Devetag - Sputnik Italia
3/10
Alessandra Devetag
© Evgeny UtkinCorteo in Piazza Duca D'Aosta
Corteo in Piazza Duca D'Aosta - Sputnik Italia
4/10
Corteo in Piazza Duca D'Aosta
© Evgeny UtkinNino Filippo Moriggia
Nino Filippo Moriggia - Sputnik Italia
5/10
Nino Filippo Moriggia
© Evgeny UtkinUno striscione
Uno striscione - Sputnik Italia
6/10
Uno striscione
© Evgeny UtkinPatrizia Scanu
Patrizia Scanu - Sputnik Italia
7/10
Patrizia Scanu
© Evgeny UtkinTricolore con scritta "giù le mani dai bambini"
Tricolore con scritta giù le mani dai bambini - Sputnik Italia
8/10
Tricolore con scritta "giù le mani dai bambini"
© Evgeny UtkinDanilo D'Angelo
Danilo D'Angelo - Sputnik Italia
9/10
Danilo D'Angelo
© Evgeny UtkinUna ragazza alla manifestazione
Una ragazza alla manifestazione - Sputnik Italia
10/10
Una ragazza alla manifestazione
1/10
Manifestazione "A Scuola" a Milano
2/10
Il palco in Piazza Duca D'Aosta a Milano
3/10
Alessandra Devetag
4/10
Corteo in Piazza Duca D'Aosta
5/10
Nino Filippo Moriggia
6/10
Uno striscione
7/10
Patrizia Scanu
8/10
Tricolore con scritta "giù le mani dai bambini"
9/10
Danilo D'Angelo
10/10
Una ragazza alla manifestazione
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала