Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Pesce Frankenstein: gli scienziati creano per sbaglio un mostro mutante

© Foto : Tim FlachStorione Beluga
Storione Beluga - Sputnik Italia
Seguici su
Nel tentativo di salvare dall'estinzione il pesce che produce il miglior caviale del mondo, gli scienziati hanno creato un'anomalia biologica battezzata "sturddlefish". Lo riporta Express.

'Sturddlefish' è un nome che viene dall'unione dei nomi dei pesci 'American paddlefish' ('pesce spatola americano') e 'Russian sturgeon' ('storione russo'). Un pesce che non esiste in natura, un ibrido tra due specie creato in laboratorio da alcuni scienziati ungheresi.

Ci sono circa 100 esemplari di sturddlefish ora in cattività, e - pur prendendosi cura di quelli già esistenti - gli scienziati hanno già fatto sapere di non volerne creare più.

La dott.ssa Attila Mozsár, ricercatrice presso l'Istituto di ricerca per la pesca e l'acquacoltura in Ungheria, ha dichiarato al 'New York Times': "Non abbiamo mai voluto giocare a ibridare le specie. Tutto è stato assolutamente non intenzionale".

Gli storioni russi sono in pericolo di estinzione e una risorsa economica importante poiché producono gran parte del caviale del mondo. Le loro dimensioni sono simili a quelle del pesce spatola americano ma, visto che le due specie hanno condiviso l'ultimo antenato 184 milioni di anni fa, non era del tutto prevedibile che potessero riprodursi. 

CC BY 4.0 / Káldy, J. et Al./Genes 2020 / (cropped image)Pesce Frankenstein: gli scienziati creano per sbaglio un mostro mutante
Pesce Frankenstein: gli scienziati creano per sbaglio un mostro mutante - Sputnik Italia
Pesce Frankenstein: gli scienziati creano per sbaglio un mostro mutante

I ricercatori stavano tentando di far riprodurre gli storioni attraverso un procedimento chiamato ginogenesi, un tipo di riproduzione asessuata che prevedeva la fecondazione delle loro uova con sperma di pesce spatola. 

Le uova e lo sperma però si sono fusi, dando origine a creature con i geni di entrambi i pesci. 

Riguardo il solo apparentemente ampio lasso di tempo che separa evolutivamente le due specie, ha fatto luce Solomon David, un ecologo acquatico alla Nicholls State University in Louisiana, che ha affermato al 'New York Times': "Questi pesci fossili viventi hanno tassi evolutivi estremamente lenti, quindi quello che potrebbe sembrare un tempo lungo per noi non è tanto tempo per loro."
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала