Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Conte su Autostrade: ‘Governo ha affermato principio che infrastrutture sono bene pubblico’

© Foto : CC-BY-NC-SA 3.0 IT / Filippo AttiliIl Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in conferenza stampa sul DL Semplificazioni
Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in conferenza stampa sul DL Semplificazioni - Sputnik Italia
Seguici su
Un risultato inedito nella storia politica italiana lo ha definito Conte, riferendosi all'estromissione dei Benetton dalla gestione di Autostrade per l'Italia spa.

“Ieri è successo qualcosa di assolutamente inedito nella storia politica italiana. Il Governo ha affermato un principio, in passato calpestato: le infrastrutture pubbliche sono un bene pubblico prezioso, che deve essere gestito in modo responsabile, garantendo la piena sicurezza dei cittadini e un servizio efficiente”, lo ha scritto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte commentando il risultato ottenuto la scorsa notte nel febbrile Consiglio dei ministri.

Conte si dice soddisfatto del risultato perché si è trattato di un “negoziato durissimo”, al termine del quale si è ottenuta “l’estromissione della famiglia Benetton” dalla gestione di Aspi.

Un risultato festeggiato anche da Luigi Di Maio in un suo messaggio pubblicato questa mattina, in cui dice che il M5s ha mantenuto la promessa di estromettere i Benetton dalle Autostrade.

Aspi una public company

Aspi diventa una public company e per quanto riguarda il risarcimento danni Conte scrive:

“Hanno accettato di corrispondere un cospicuo risarcimento danni (3,4 miliardi)”.

Conte esulta anche perché “hanno rinunciato alla clausola di assoluto privilegio che gli attribuiva il diritto di ottenere i mancati guadagni per tutta la durata della concessione (circa 23 miliardi)” valida anche “in caso di scioglimento del contratto per gravissimo inadempimento (come nel caso del crollo del Ponte Morandi)”, scrive ancora Conte.

Luigi Di Maio - Sputnik Italia
Di Maio: ‘Benetton hanno accettato condizioni del Governo, è ottimo risultato’

Il Cdm notturno

Inizialmente previsto per le ore 11.00 di martedì mattina, il Consiglio dei ministri è slittato alle ore 22.00 per dare spazio ad ulteriori manovre prima di arrivare alla stretta finale sul dossier Autostrade.

Tuttavia, come riporta il comunicato emanato dalla Presidenza del Consiglio, si è trattato di un Cdm assai travagliato con ripetute interruzioni. La prima interruzione alle 23.30; la seconda interruzione alle 1.05 ed anche la più lunga in quanto il Cdm è ripreso alle ore 3.39 per concludersi alle 5.16.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала