Speranza al Senato: Nuovo Dpcm durerà fino al 31 luglio

© Foto : Filippo AttiliIl ministro della Salute Roberto Speranza durante l'incontro con le parti sociali per un confronto sui progetti di rilancio del Paese
Il ministro della Salute Roberto Speranza durante l'incontro con le parti sociali per un confronto sui progetti di rilancio del Paese - Sputnik Italia
Seguici suTelegram
Il ministro della Salute Roberto Speranza anticipa al Senato i contenuti del nuovo Dpcm che estenderà al 31 luglio le misure di contenimento in atto. Sullo stato di emergenza lascia porta aperta.

Il Governo emanerà un nuovo decreto per prorogare fino al 31 luglio le misure ora in vigore, lo conferma il ministro della Salute Roberto Speranza parlando in una comunicazione al Senato della Repubblica.

Il ministro Speranza elenca i contenuti del nuovo Dpcm, il quale confermerà l’uso della mascherina nei luoghi chiusi, l’obbligo di rispettare i protocolli di sicurezza definiti per i luoghi di lavoro.

Resta il divieto di assembramento, per la verità non più rispettato, sanzioni penali per chi viola l’obbligo di quarantena, e ancora il divieto di ingresso in Italia per chi giunge da Paesi extra UE ad alto livello di contagio.

Previsti controlli più stringenti in aeroporto, nei porti e lungo il confine nazionale.

L’allarme crescita contagi nel mondo

Il ministro Speranza ha sottolineato il fatto di aver voluto con una sua ordinanza specifica l’innalzamento del livello di attenzione lungo i confini nazionali, a causa del crescente numero di Paesi stranieri che presentano situazioni di contagio apparentemente fuori controllo.

Il direttore dell’Oms al riguardo ha avvertito alcuni Paesi specifici che non stanno attuando tutte le profilassi necessarie a contenere la pandemia.

Proroga stato di emergenza

Per quanto riguarda la proroga dello stato di emergenza sanitaria, in scadenza il prossimo 31 luglio, rassicura che non è stata presa alcuna decisione per ora.

Sarà il Consiglio dei ministri a discutere dell’argomento e il parlamento sarà “protagonista del percorso decisionale”, ha detto Speranza parlando ai senatori.

Il ministro ha però precisato la sua posizione affermando:

“Credo risulti evidente a tutti che io non consideri terminata e archiviata la fase di emergenza. Il punto è discutere quali siano gli strumenti più adeguati per affrontarla”.

Speranza ha anche affermato:

"Sono convinto che lo stato di emergenza possa essere legato ad un periodo eccezionale e limitato per il nostro Paese".

Una espressione che non permette di escludere nessuna evoluzione. Lo stato di emergenza potrebbe terminare il 31 luglio, come potrebbe essere prolungata fino a ottobre o a dicembre 2020.

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала