Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Migranti sbarcati in Calabria verranno trasferiti negli ospedali militari di Roma

© AP Photo / Gareth FullerMigranti su una barca nel porto di Dover
Migranti su una barca nel porto di Dover - Sputnik Italia
Seguici su
Verso una soluzione definitiva il caso dei 26 migranti sbarcati in Calabria e affetti dal nuovo coronavirus. Verranno probabilmente trasferiti in una struttura militare a Roma.

Ha avuto un suo primo immediato effetto la lettera della governatrice della Regione Calabria Jole Santelli, la quale chiedeva una immediata soluzione dello sbarco incontrollato di migranti nella sua regione.

I 26 migranti positivi al Covid-19 verranno spostati da Roccella Jonica e portati presso due strutture militari ad ospedali militari della Capitale. Probabilmente le due strutture individuate sono il Celio o la Cecchignola.

La notizia viene riportata da Il Messaggero, secondo cui è al vaglio delle autorità di governo l’ipotesi del trasferimento per liberare i paesi costieri della Calabria dove si sono verificati momenti di tensione con la cittadinanza che ha bloccato le strade.

Ministero dell’Interno e delle Infrastrutture, riporta Il Messaggero, sono al lavoro su di una procedura d'urgenza per risolvere la questione in tempi brevi, preservando l’ordine pubblico e anche la stagione turistica dei paesi a forte attrattività turistica proprio in questi mesi estivi.

L’alternativa alle strutture militari di Roma potrebbe essere una seconda nave da collocare nelle acque antistanti la costa calabra, da trasformare in nave quarantena per migranti sul modello della Moby Zazà posta nel porto di Porto Empedocle.

Le minacce di Santelli

La presidente della Calabria nella lettera inviata a Conte aveva minacciato il blocco dei porti avvalendosi del suo potere di emettere ordinanze regionali.

Santelli aveva anche giustificato la rabbia dei cittadini che temono la fuga dei turisti e una pioggia di disdette negli alberghi.

Il turismo estivo per la Calabria riveste l’asset strategico principale, vitale per l’economia locale.

Calabria la regione a basso contagio

Secondo i dati forniti dalla Regione Calabria, su 103 mila tamponi effettuati le persone risultate positive da inizio emergenza sono 1.216 e quelle negative 101.810.

Al momento risultano soltanto 31 casi di positività a cui però si devono aggiungere i 26 migranti provenuti dal mare.

La Regione Calabria risulta quindi tra le meno colpite dal nuovo coronavirus.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала